Home Rodigino Comunali a Rovigo, una corsa per dieci

Comunali a Rovigo, una corsa per dieci

Schermata 2015-05-25 alle 07.49.38La caccia alla poltrona di sindaco è aperta. A sparare tutte le proprie cartucce per riuscire ad indossare la fascia tricolore del capoluogo polesano sono dieci candidati per un totale di 19 liste, formate da 549 aspiranti consiglieri comunali. Il nome del successore di Bruno Piva (il sindaco eletto alla guida di una maggioranza di centrodestra, decaduta a luglio 2014, con conseguente commissariamento del Comune, ndr) nel caso nessuno degli aspiranti primo cittadino riuscisse ad ottenere al primo turno il 50% più uno dei voti, uscirà dall’eventuale ballottaggio che si terrà il 14 giugno fra i due nomi più votati. Andando a scorrere i nomi dei candidati sindaco e delle liste che li appoggiano, nell’ordine sorteggiato dall’ufficio elettorale del Comune, che è anche quello con cui compariranno sulla scheda, troviamo il candidato sindaco Silvia Menon, l’outsider sostenuta dall’omonima lista civica Silvia Menon sindaco. Ha, invece, il sostegno della lista Movimento sociale Italiano Fiamma tricolore – Forza Nuova il candidato sindaco della “destra destra” Federico Donegatti. Una candidatura arrivata all’ultim’ora, alla guida di uno schieramento che si sta comunque distinguendo per impegno e passione nelle prime battute della campagna elettorale. Curiosità, anche la moglie di Donegatti, Angela Zambello, è sindaco, a Crespino. Si colloca, invece, al centro dello schieramento Antonio Saccardin detto Gianni, già vicesindaco e nuovamente in corsa con la lista Moderati di centro – Presenza cristiana. E’ Ivaldo Vernelli il candidato sindaco “grillino”, sostenuto dal Movimento 5 stelle. Oltre al sostegno della “sua” Lega Nord, il candidato sindaco Massimo Bergamin potrà contare anche sull’appoggio arrivato proprio sul filo di lana della lista di Forza Italia, dopo lunghe consultazioni interne che però alla fi ne non hanno portato all’individuazione di un candidato condiviso al proprio interno. Si è invece staccato l’ex assessore Andrea Bimbatti che corre con Una lista di risposte, una civica dall’età media decisamente bassa (36anni). Di nuovo in pista Paolo Avezzù, già sindaco di Rovigo, che oltre al supporto delle due liste civiche Obiettivo Rovigo e Vero Nuovo, può contare sul sostegno della Lista Tosi per Rovigo, oltre che di quella di Area popolare per Rovigo. Dopo aver vinto le primarie, il candidato sindaco Nadia Romeo, da molti indicata come la favorita numero uno per l’elezione a sindaco, si presenta agli elettori con un poker di liste: quella del Partito democratico, la lista civica Rovigo cambia verso, la lista capeggiata dall’ex assessore Stefano Bellinazzi Viva Rovigo per Nadia Romeo sindaco e quella del Partito socialista italiano. Stessa “squadra” rispetto al 2011 per il candidato sindaco Giovanni Nalin, che si presenta sotto le insegne di Sinistra ecologia e libertà. Tre, invece, le liste che sostengono la corsa a sindaco di Livio Ferrari: Liberi cittadini per il Polesine, La sinistra per l’altra Rovigo e Coscienza Comune. Si vota il 31 maggio, per lanciare un segnale importante a una città che, a prescindere dall’esito finale delle votazioni, ha un disperato bisogno di rimettersi in gioco con quei progetti a lungo termine che il commissario, nonostante un impegno e una serietà encomiabili, per sua stessa natura non può mettere in campo.

Di
Francesco Campi

Le più lette