Home Padovano Sant'Angelo di Piove verso il voto

Sant’Angelo di Piove verso il voto

Fabrizio Daniele, “Lega nord, Liga veneta”
IL SEGRETARIO LOCALE DEL CARROCCIO SI CANDIDA A SINDACO

Daniele.jpg.Fabrizio Daniele è il candidato sindaco per la lista della “Lega nord, Liga veneta”. Quarantatre anni, avvocato, è il segretario della sezione locale del Carroccio. La sua è l’unica lista politica in corsa per questa tornata elettorale. La Lega, che alle elezioni del 2010 si era presentata con il Popolo delle libertà, stavolta ha deciso di correre da sola, con il proprio simbolo la propria bandiera. Con il segretario Daniele ci sono Massimo Universi (capolista), già consigliere provinciale a Venezia e il militante di partito Angelo Mondini. Altri sette i nomi in lizza: Melody Lando; Giuseppe Trabuio; Graziano Prandin; Marianna Pittarello; Paola Carraro; Luca Callegaro e Silvia Zaramella. “Le nostre iniziative – ha detto Daniele – mirano a fare in modo che l’amministrazione comunale si metta a disposizione del cittadino riducendo le incombenze burocratiche e lavorando per assicurare maggiore sicurezza, anche attraverso un miglior impiego della Polizia locale” I militanti, per tutta la campagna elettorale, saranno presenti nelle piazze del capoluogo e delle frazioni. Il calendario delle iniziative su www.leganordsantangelo.it 

 

Mariano Salmaso, “Uniti per Sant’Angelo”
L’UOMO SU CUI PUNTA L’AMMINISTRAZIONE USCENTE

Salmaso.jpg.È Mariano Salmaso il candidato sindaco per la lista di maggioranza “Uniti per Sant’Angelo”. Classe 1964, santangiolese, una laurea in Statistica ed Economia, europeista convinto, impiegato nell’ambito dell’approvvigionamento aziendale e un assessorato, quello alla Cultura, Scuola, Pace e Diritti umani oggi in scadenza, è l’uomo su cui punterà l’amministrazione uscente per il dopo Boischio. Tra le tante liste che si dichiarano apolitiche e apartitiche, Salmaso non rinnega l’area di appartenenza: “Siamo una civica di centrosinistra – ha detto – e lo siamo perché abbiamo un’interpretazione della politica che dà priorità alla partecipazione e alla sicurezza, che deve andare di pari passo all’accoglienza, alla scuola, alla cultura e al sociale”. E poi ambiente, paesaggio e innovazione.

Tutti punti che si pongono in continuità con il programma con cui Salmaso si era candidato nella tornata elettorale precedente. “Non voglio un paese che vivacchia – ha detto – ma un paese che vive in modo vivace e armonioso, soprattutto un paese unito. Ma è sulla concretezza che vogliamo misurarci, senza retorica ma per il bene comune”. “Sento una grande responsabilità – ha confessato – ma so che potrò contare su una squadra coesa. Molto è stato fatto ma abbiamo tanti progetti nel cassetto e un’idea di Sant’Angelo che va oltre i confi ni comunali”. E sulla convergenza nella scelta del nome insiste anche il sindaco Romano Boischio: “Unitariamente abbiamo scelto Salmaso per portare avanti un progetto iniziato dieci anni fa: pensiamo di aver agito con serietà, onestà e per il bene del paese, affrontando le problematiche a 360 gradi”. In lista con Salmaso, oltre al sindaco uscente, ci sono Placido Degan, ex assessore allo Sport nella giunta Boischio; Ivo Donolato, consigliere delegato; Adriano Magro, assessore al lavori pubblici; Moreno Maniero, capo della protezione civile e anche lui consigliere delegato uscente e Saverio Marise, presidente dell’Avis di Sant’Angelo. In lizza anche Loana Chinello; Laura Faccini; Marialaura Maritan; Alice Morandin; Elena Tolin e Cristiano Violato.

 

Lorenzo Tasca, lista “Una nuova partenza”
LA LISTA CHE SI AFFIDA A UNA GUIDA ESPERTA

Tasca.jpg.Lorenzo Tasca è il candidato sindaco per la lista “Una nuova partenza”. Classe 1951, ex responsabile dei servizi generali per un’azienda locale e oggi in pensione, Tasca ha un passato nelle fi la della Democrazia cristiana. Sindaco dal 1994 al 2000 e consigliere comunale di opposizione nei quattro anni successivi, l’ex primo cittadino oggi si presenta con una lista senza bandiere. “Non siamo apolitici ma apartitici – ha spiegato – non abbiamo simboli e non rappresentiamo una parte politica ma risponderemo in prima persona e in base a quanto scriveremo nel nostro programma elettorale”. Il nostro è un movimento politico locale, espressione moderata di cittadini che condividono insieme la necessità di dare una nuova spinta civica e amministrativa alla comunità santangiolese – scrivono nel loro manifesto – crediamo che donne e giovani debbano trovare spazio nella vita e nella gestione amministrativa del paese, portando nuovi stimoli e differenti punti di vista e di necessità”.

E sul candidato, “Ci affidiamo a una guida esperta – dichiarano – che ci aiuti a trasferire esperienze e competenze ai nostri cittadini”. “Pensiamo e ragioniamo senza campanilismi – evidenziano ancora una volta – senza raccomandazioni di parte o di partito. Vogliamo lavorare ed essere propositivi, coinvolgendo attivamente tutta la popolazione perché siamo convinti che, al di là del credo politico, per parlare di comunità è necessario costruire un senso civico condiviso, una voglia di appartenenza che si può alimentare solo incoraggiando l’attivismo del privato a favore del pubblico, offrendo più spazi e più occasioni di partecipazione e di confronto con una nuova visione, una nuova mentalità e nuove prospettive”.

In lista con Tasca ci sono Paolino Bedon, ex amministratore locale; Cristiano Berto, capogruppo uscente della lista di minoranza; Maristella Chinello e Angela Furlanetto, anche loro consiglieri comunali all’opposizione. In lizza anche Francesco Benetazzo; Michela Boscolo Bachetto; Carla Capuzzo; Paola Gobbetti; Cristian Lando; Marianna Magro; Dario Miotto ed Erika Polionato.

a cura di Martina Maniero

Le più lette