Home Veneziano Miranese Nord Unioni civili e più diritti a cittadini e immigrati di Salzano

Unioni civili e più diritti a cittadini e immigrati di Salzano

comune salzanoSalzano si conferma sempre più aperto e disponibile nell’accoglienza verso gli altri. Lo dimostra l’ordine del giorno, approvato lo scorso aprile, intitolato “Più diritti per i cittadini di Salzano”. L’Odg, illustrato e proposto dall’assessore alle Relazioni interculturali e Pari Opportunità Sara Baruzzo, vuole affrontare, in un unico documento, due tematiche fra loro diverse ma, allo stesso tempo, unite tra loro dal comune denominatore dell’attenzione alle particolari situazioni sempre più frequenti e quotidiane nella nostra società.

Salzano, con l’approvazione di questo documento, è diventato il primo comune nel miranese a riconoscere le unione civili. Questa tematica trova ampie discussioni anche a livelli nazionali, ed è stata particolarmente sostenuta dall’assessore Elisa Zanin e dall’assessore Baruzzo. Il testo del documento prevede la possibilità, per i nuclei che ne facciano apposita richiesta, di ottenere un’ “Attestazione di famiglia anagrafica”. L’assessore Baruzzo precisa, riguardo le unioni civili, che l’obiettivo prioritario è quello di evitare che nella prassi amministrativa si possano creare situazioni di disparità nell’accesso ai servizi comunali per i nuclei che, pur non essendo uniti dal vincolo matrimoniale tradizionale, hanno a che fare con l’educazione dei figli e l’assistenza sociale.

“E’ il caso – spiega l’assessore Baruzzo – di una figlia che vive sotto lo stesso tetto della madre anziana e che si rivolge al Comune per chiedere assistenza o altri servizi”. L’altro punto trattato nel documento “Più diritti per i cittadini di Salzano” riguarda l’integrazione e l’accoglienza e lo fa, riconoscendo ai bambini e bambine, figli di immigrati che sono stabilmente e regolarmente residenti nel territorio comunale, una cittadinanza “plurale” e “inclusiva”. Questi due aggettivi, che si uniscono nel conferimento, simbolico, della cittadinanza salzanese, da aggiungere a quella di nascita.

Questa “doppia cittadinanza” vuole sottolineare un ulteriore inserimento nella comunità che ogni giorno aumenta e si differenzia sempre di più. “Considero importante questo gesto simbolico – afferma l’assessore Baruzzo – soprattutto perché è una preziosa occasione per ribadire, la centralità e la pregnanza di valori quali la pace, l’integrazione, la solidarietà, la dignità della persona umana e la pacifica convivenza”. Membro di presidenza del “Coordinamento Nazionale Enti Locali per la Pace”, il Comune di Salzano continua a distinguersi per il suo impegno negli ambiti delle Relazioni Interculturali, delle Pari Opportunità e della cittadinanza attiva, motivo di orgoglio per tutti i suoi cittadini.

di
Anna Michieletto

Le più lette