Home Veneto Il blog del direttore Veneti al voto: tutto già scritto?

Veneti al voto: tutto già scritto?

A pochi giorni dal voto in Veneto la storia pare fatta. Luca Zaia vince, Alessandra Moretti perde. Questo nonostante lo strappo in casa Lega firmato dal sindaco di Verona Flavio Tosi, sostenuto da Ncd e cattolici centristi.
Ma sarà vero? Ai sondaggi mi piace credere poco. Credo di più alla gente che in ogni dove dice che è stanca e non andrà a votare. “Stanco di cosa”? chiede un candidato consigliere a un signore molto contrariato per essere stato fermato dallo stesso candidato che voleva presentarsi durante il mercato della domenica. Il cittadino contrariato risponde che è stanco che nulla cambi. Il candidato coglie la palla al balzo e gli spiega che in Veneto non cambia nulla perché governano gli stessi da 20 anni. Lapalissiana! Ma a quel punto l’elettore potenziale risponde che non gli importa.
Non importa chi governa. “Sono tutti uguali. Anche Grillo” è questo lo slogan del momento. Il concetto che fa battere di più i cuori. Vincerà l’astensionismo nella terra del bianco fiore? Oppure non importa, in fondo i cambiamenti ci fanno più paura dell’immobilismo. Una piccola donna che a volte scivola su qualche buccia di banana dialettica – tanto quanto fanno gli uomini, tra l’altro – fa più paura della voglia che sia tutto diverso? Della voglia di provare qualcos’altro?
Vedremo. Anche perché in campo c’è pure Tosi che è altro da Zaia. E potrebbe essere lui la novità o no?! Certo questa corsa lo mette ben in luce rispetto ad altre corse future, e ben più importanti a dire il vero. Il volto pulito della Lega, quello di Tosi per intenderci, comunque andrà, porterà a casa un fagotto prezioso.