Home Motori Speciale Verona Legend Cars: Il passato ha un nuovo avvenire

Speciale Verona Legend Cars: Il passato ha un nuovo avvenire

riello
Verona, la sua Fiera e il mondo dei motori: un legame che ha radici profonde, dalla comparsa sulle strade italiane dei primi motori a scoppio a fine ’800 e che si rinsalda, oggi, con la prima edizione di Verona Legend Cars.
Veronafiere, infatti, dall’8 al 10 maggio, apre le porte al nuovo Salone dedicato al mondo dell’auto, in cui il modello d’epoca incontra quello contemporaneo.
Un format organizzato in collaborazione con Intermeeting e incentrato sull’esposizione e vendita delle più belle e rare auto d’epoca, la presenza delle case ufficiali e dei club con raduni e incontri, i ricambi, le esibizioni, i test-drive, il mondo vintage e tanto altro.
Questi gli ingredienti di un appuntamento che vuole andare oltre la fiera tradizionale attraverso eventi speciali all’interno del quartiere fieristico e tour intorno alla città, coinvolgendo il territorio e facendolo scoprire e vivere ai partecipanti.
Il nostro obiettivo è trasformare, edizione dopo edizione, Verona in un vero e proprio riferimento europeo della cultura e della passione dell’auto.
Per la Fiera di Verona e la città scaligera, in realtà, si tratta di riscoprire la propria storia. Veronafiere nasce nel 1898 e una delle prime competizioni motoristiche in Italia si tiene proprio l’anno successivo, con la corsa “Verona-Brescia-Mantova-Verona”.
Nel marzo del 1900, alla Fieracavalli, si affianca sotto il loggiato del Palazzo della Gran Guardia, nel centro di Verona, la Mostra di Automobili, la prima organizzata nel Paese e che anticipa quella di Padova del settembre dello stesso anno e il primo Salone dell’Auto aperto a Torino, in aprile.
Tornando ai giorni nostri, con il debutto di Verona Legend Cars, Veronafiere rafforza il proprio presidio nel settore dell’automotive che ci vede già impegnati da anni con successo nei settori delle moto custom, delle auto da rally e delle concessionarie, grazie a tre rassegne dedicate.
La nuova manifestazione poggia quindi su basi solide: il know-how del più importante organizzatore diretto di manifestazioni fieristiche in Italia, con 117 anni di attività, e quella di Intermeeting il primo organizzatore italiano e riconosciuto tra i principali in Europa nel comparto dei quattro ruote heritage.
I presupposti per far diventate il Salone un grande evento di respiro internazionale non mancano: per questo sono sicuro che Verona e l’auto d’epoca, insieme, potranno fare molta strada.
Ettore Riello, Presidente di Veronafiere

Le più lette