Il Pontecorr brinda alla Prima Categoria

pag. 5 sport piovese pontecorr rosa inizio stagioneIl Pontecorr brinda meritatamente alla Prima Categoria dopo due spareggi al cardiopalma. La squadra del presidentissimo Benedetto Marcato ritorna così nel calcio che conta dopo solo due anni di purgatorio in Seconda Categoria. Una stagione che è stata lunghissima e logorante, con la coda delle gare di spareggio che hanno portato all’agognato salto di categoria.

La squadra di mister Samuele Broggio ha chiuso il campionato a una stretta incollatura da Cartura e Ferri, entrambe classificatesi al primo posto. Nel primo spareggio è andata a vincere ad Abignasego, in casa del Ferri, dopo i tempi supplementari. Nella gara successiva, decisiva per il passaggio di categoria, sul campo neutro di Mirano ha superato per 1 a 0 il Lido di Venezia. “Una promozione meritata – commenta il capitano di lungo corso Andrea Marcolongo – visto che abbiamo mantenuto per tutto l’anno posizioni di vertice. Queste ultime partite hanno portato adrenalina e maggiore soddisfazione nell’aver raggiunto un risultato che abbiamo inseguito sin dall’inizio del torneo”.

“Il merito di questo risultato – continua Marcolongo – va a tutto lo staff societario e tecnico e in particolar modo a un gruppo ben amalgamato che da sempre ha creduto nei propri mezzi tecnici ed emotivi”. Una stagione lunga dicevamo, in cui ci sono stati anche momenti difficili. “In alcune fasi – spiega il capitano – abbiamo pagato dazio in termini di assenze imputabili a malattia, infortuni e squalifiche. Specie nei momenti topici del campionato quando abbiamo lasciato punti preziosi sul campo. Le due sconfitte di seguito rimediate con il Ferri e con il Bagnoli in casa sono state determinanti: potevamo prendere il largo ed invece abbiamo avuto uno stop tremendo”.

Andrea Marcolongo ha parole dolci per tutti. “Devo ringraziare tutti i ragazzi per questo risultato, da chi ha giocato di più a quelli che non hanno neanche mai fatto un solo minuto in gara. Questi sono momenti che restano incisi nella memoria e danno grande soddisfazione e ripagano le fatiche che ognuno di noi con passione impegna in questo meraviglioso sport”. “Ringrazio tutta la dirigenza per la presenza costante e tutti i collaboratori” conclude “che con il loro volontariato hanno contribuito a questo risultato. In veste di capitano della squadra sento il dovere di ringraziare e di dare merito di questo successo al nostro presidente: una persona meravigliosa, umile ed appassionata che con impegno e rispetto porta avanti una società di calcio, offrendo il suo tempo e non solo ad un settore giovanile sempre più in crescita e ad un modo sano ed educato di vivere lo sport”.

L’ultima parola è proprio del presidente Marcato, da oltre trent’anni colonna portante del calcio locale. “E’ una soddisfazione grandissima – racconta, – di quelle che fanno venire i brividi. Abbiamo ottenuto di più di quello che c’eravamo inizialmente prefissato e questo aumenta l’orgoglio per una squadra composta da tanti ragazzi cresciuti proprio nel nostro vivaio”.

Di
Alessandro Cesarato

Lascia un commento