Home Veneziano Miranese Nord Martellago: ancora polemica sui profughi

Martellago: ancora polemica sui profughi

lampedusa-sbarchi-470x352Fa ancora discutere la questione profughi nel comune di Martellago. Da una parte c’è la neonata civica “Noi con Martellago Maerne Olmo”, di Ennio Zane, che sta portando avanti una raccolta firme per dire no alla possibilità di ospitarli. Dall’altra c’è anche il parroco, don Giorgio Riccoboni, che invita a non mettere dei muri. Ma la discussione è quanto mai aperta. “La gente è contraria – precisa Zane – e in Italia gli sbarchi stanno aumentando, con gli immigrati provenienti anche dalla Slovenia e dall’Austria, avremo una situazione ancor più d’emergenza. Ogni centesimo di euro dev’essere investito per le famiglie italiane che dormono nelle macchine, per i disoccupati, per gli ammalati, gli anziani, i giovani”.

Insomma, l’argomento è ancora aperto e l’obiettivo degli organizzatori è raccogliere più firme possibili da portare in municipio e chiedere di rivedere la decisione. Il parroco ha espresso il suo parere durante la “Festa dei lavoratori” nella messa officiata nel piazzale davanti al Comune. “I flussi migratori fanno parte della storia, anche nostra – commenta don Giorgio – e non possiamo costruire muri che li impediscano, ma dobbiamo trovare una strada legittima per questa realtà”. Un pensiero a cui ha fatto eco quello del presidente delle Acli Mauro Favaron, che ha parlato nella stessa occasione. “Notizie molte volte strumentalizzate dalla politica – dice – che identificano a priori per malvivente l’extracomunitario o, ancora, “ci rubano il pane”, o ancora raccolte di firme, come sta avvenendo nel nostro territorio, per aiutarli sì, ma lasciandoli nel loro paese d’origine, come se “non è un problema mio”, ma della politica. Ci si deve richiamare alla storia, quando noi siamo stati migranti in terre straniere, alle opportunità non colte e che possono dare speranza agli altri, alle risorse di questa terra, che non sono solo nostre, ma di tutti. Ci deve richiamare a un maggiore senso di fratellanza”.

di
Alessandro Ragazzo

Le più lette