Home Padovano Bassa Padovana Monselice, via libera dal consiglio comunale per la riconversione del cementificio

Monselice, via libera dal consiglio comunale per la riconversione del cementificio

Italcementi 2Questione Italcementi arenata? Proprio no. Anche se l’attenzione sul tema è un po’ calata, arrivano notizie importanti: il consiglio comunale ha detto sì al piano per la riconversione dell’area del cementificio. A Palazzo Tortorini una votazione unanime ha accolto la bozza di protocollo di intesa tra il Comune e Italcementi, per iniziare a disegnare il futuro dell’area dopo la chiusura dello stabilimento.

“Dopo ampie discussioni – ha esordito soddisfatto il primo cittadino Francesco Lunghi – Italcementi per la prima volta nella sua storia ha dato la disponibilità a essere primo attore nella riconversione dell’area”. Il protocollo di intesa votato dal consiglio dovrà essere sottoscritto dall’azienda: il documento in pratica detta le prime linee guida per lo sviluppo dell’area, che potrà essere in chiave turistica, commerciale, ricreativa e altre finalità in linea con l’ambiente e nell’ottica della riduzione dell’impatto. Seguirà un masterplan che l’azienda preparerà avviando una fase di ricerca di soggetti interessati a investire nell’area. Ma la vera sfida resta sempre la stessa: trovare un progetto economicamente sostenibile e che abbia alle spalle dei finanziatori seri pronti ad attuare l’idea. Di questi tempi, si sa, non è mica una richiesta da poco. “Italcementi si impegna a realizzare il masterplan entro fine anno, per poter rapidamente iniziare il primo stralcio della riconversione nell’estate 2016 – ha spiegato Lunghi – per iniziare a ridare occupazione ai dipendenti Italcementi in cassa integrazione o mobilità”.

La cassa integrazione infatti scadrà a fine gennaio del prossimo anno. “Durante l’ultimo consiglio comunale è successa una cosa di grande importanza – si legge in una nota del Partito Democratico di Monselice – all’unanimità è stata approvata la bozza di protocollo da sottoscriversi con Italcementi che ha acconsentito di condurre in prima persona l’operazione, redigendo un piano di riconversione che dovrebbe nascere dall’ascolto e dalle proposte di chi vorrà contribuire con idee e progetti, i quali dovranno però precisare sicure fonti di finanziamento per la loro stessa realizzazione. La vicenda Italcementi ha segnato un’epoca per la nostra città, un’epoca di divisioni e rancori, di scelte gravi e di vite sconvolte: speriamo ora che questo sia il primo passo per chiudere defi nitivamente questo periodo ed aprirne un altro in cui si possano coniugare il lavoro, l’ambiente e la salute mettendoli al servizio del bene collettivo. Un’alternativa che alcuni negavano”.

di
Emanuele Masiero

Le più lette