Rovigo, eccellenze in vetrina all’Expo di Coldiretti

aglio_bianco_grandeSi è tenuta fra l’11 e il 17 maggio la settimana “veneta” al padiglione dei Coldiretti all’Expo che ha permesso agli chef locali di portare in luce e far gusta- re al mondo, considerato il contesto è proprio il caso di dirlo, i prodotti tipici di tutto il Veneto e le ricette della cucina povera che si contraddistinguono per la ricchezza e per la genuinità delle materie prime. Il padiglione di Coldiretti, intitolato iconicamente “No farmers, no party” ha iniziato la settimana di celebrazione del Veneto proprio con il Polesine, che si contraddistingue per la sua peculiarità che la rende unica ossia quella di mescolare prodotti di mare a prodotti di terra, come una gustosa sintesi della sua particolare conformazione geografica. Nei 400 metri quadrati dell’area espositiva sono andati in scena l’insalata di Lusia Igp, l’aglio bianco polesano dop e i prodotti ittici del Delta del Po.
La giornata, come da programma, si è focalizzata su due appuntamenti pubblici alle 12.30 e alle 18 nel roof garden di Coldiretti dove sono intervenuti il “Consorzio di tutela dell’Insalata di Lusia Igp, col presidente Alessandro Braggion, e l’azienda Daviplant di Lusia per illustrare la filiera ed il legame col territorio della lattuga a marchio unica in Europa; quindi il Consorzio di tutela dell’Aglio bianco polesano Dop, col presi- dente Massimo Tovo, per esporre e presentare l’aglio che è entrato come condimento nelle cucine del Quirinale; e ancora la coop Cofruta di Giacciano per rappresentare il comparto della frutticoltura dell’alto Polesine ed infine, le eccellenze ittiche, vongole, cozze, pesce azzurro nel loro contesto del parco del Delta, proposte dal Consorzio Delta nord di Rosolina affiliato ad Impresa- pesca, coi leader Adriano Garbi e Massimo Lazzarin, e dall’Ente parco regionale del Delta del Po. Spazio è stato dato anche alla conoscenza delle proprietà nutrizionali e salutistiche dei prodotti presentati dalla nu- trizionista Monica Cibin dell’Ulss 19 che fin dall’inizio ha collaborato con Coldiretti per portare merende sane a scuola attraverso il progetto Nutrilandia.
Dopo le presentazioni e gli approfondimenti si è passati a gustare le bontà del Polesine nella “Locanda del contadino” grazie alle delizie preparate, esclusivamente con i prodotti originari, dallo chef Diego Scaramuzza, presidente degli agriturismi veneti di Terranostra, che ha per l’occasione coordinato il team di cucina formato da Barbara Belloni e Cristiano Pasqualin, titolari dell’a- griturismo Casa Ramello di Ariano, da cui Pasqualin dirige anche Terranostra Rovigo; Elisa Braggion dell’azienda L’insalatiera di Lusia, Irene Gottardi dell’azienda Gottardi sempre di Lusia e l’arcinoto giovane chef polesano, Enrico Rizzato della trattoria Al Ponte di Lusia, ristorante già premiato con la targa “Km zero” di Coldiretti Rovigo.

Di
Martina Celegato

Lascia un commento