Home Turismo & Sapori Slovacchia: chiese in legno, tesori d’Europa 

Slovacchia: chiese in legno, tesori d’Europa 

img_7691Molti considerano la regione centrale della Slovacchia il vero cuore del paese, non soltanto dal punto di vista geografico, ma anche spirituale. Sullo sfondo dei Monti Tatra, da una delle città più antiche, Banska Bystrica, alle storiche costruzioni in legno, inestimabili tesori raccolti negli Skansen, i musei all’aperto, questa regione rappresenta l’immagine più tipica di questo paese, terra di montagne, splendide costruzioni e folklore. Queste chiesine particolarissime nacquero in periodi diversi e per diverse fedi. Sono edifici dalla caratteristica architettura popolare costruiti interamente in legno senza l’uso dei chiodi che rappresentano la crocifissione di Cristo. I materiali usati sono il legno di abete, abete rosso, larice e betulla delle immense foreste dei Carpazi. Le chiese più antiche risalgono al XVI secolo e sono dedicate al culto cattolico romano. Poi vennero quelle protestanti (ne sono rimaste cinque in tutta la Slovacchia) e dal XVII al XIX secolo furono costruite le più significative e numerose così dette tserkvas del rito uniate. Quasi tutte le chiese sono tripartite, a simboleggiare la SS Trinità, hanno dei tetti spioventi contro l’accumulo della neve ed in cima hanno dei grandi bulbi a cipolla. Su ogni bulbo sono poste delle croci in ferro, vanto degli artigiani della zona. Alcune chiese, per protezione, sono state smontate e rimontate nei musei all’aperto. Al loro interno custodiscono preziosissime iconostasi che val la pena vedere. Per farlo, una volta arrivati nel paesino dove sorge la chiesa, dovete cercare la signora – di solito una vecchietta – che conserva la chiave per aprire. Per maggiore documentazione sulle singole chiese, potete consultare il sito curato dall’ing. Milan Soka: http://www.muzeum.sk/dostol/