Home Turismo & Sapori Slovacchia, il sapore antico dell’Est Europa

Slovacchia, il sapore antico dell’Est Europa

img_6924Bella vista, sorprendente il verde e ottimi i prezzi. Un viaggio tutto da godere quello in Slovacchia che merita d’essere un viaggio itinerante alla scoperta del territorio e delle sue antiche e nuove bellezze. Un itinerario da disegnare per scoprire la Slovacchia più nascosta e fuori dalle direttive più scontate del turismo senza perdersi le principali attrazioni monumentali e naturali del paese. Castelli, città, chiese, patrimoni Unesco, parchi nazionali, grotte e leggende. Tenete presente che una volta arrivati a Kośice vi si prospetta la possibilità di sconfinare in Ungheria fino alla capitale Budapest. Dall’aeroporto di Budapest potrete far ritorno in Italia o, se avete tempo (e denaro) a disposizione, rientrare a Bratislava a bordo di uno dei frequenti aliscafi che risalgono il corso del Danubio (raccomandato).

Bratislava
Bratislava è una piccola capitale con un altrettanto piccolo ma grazioso centro storico sulla riva del maestoso Danubio e dominata da un imponente castello. Attorno ai quartieri centrali vi sono in gran parte quartieri dormitorio che risalgono al tempo del regime comunista. Merita in ogni caso una sosta di un paio di giorni. Qui, mentre Budapest era sotto gli Ottomani, dal 1563 al 1830 nel Duomo di San Martino furono incoronati undici sovrani del regno, compresa Maria Teresa d’Austria. L’ideale è trovare un alloggio entro la Città Vecchia (Stare Mesto) o nelle immediate vicinanze (Nové Mesto, Ružinov), anche se i trasporti pubblici molto efficienti permettono di attraversare la città con facilità.

Košice
Košice è il Maggior centro della Slovacchia orientale, è vicina ai confini con l’Ungheria e non distante da quelli dell’Ucraina. Conta circa 300.000 abitanti (seconda città slovacca dopo la capitale) e conserva interessanti monumenti come la cattedrale gotica. La città è stata Capitale europea della cultura nel 2013, assieme a Marsiglia. Da Košice potreste prendere il treno per Rožňava tra i paesaggi carsici del fiume Styx (Carso Slovacco) disseminati di grotte e con due fiabeschi castelli quello di Betliar e di Krásna Hôrka Una volta arrivati a Košice vi si prospetta la possibilità di sconfinare in Ungheria fino alla capitale Budapest. Dall’aeroporto di Budapest potrete far ritorno in Italia o, se avete tempo a disposizione, rientrare a Bratislava a bordo di uno dei frequenti aliscafi che risalgono il corso del Danubio. Un’esperienza davvero unica che vi permetterà di assaporare il gusto del viaggio sul fiume più romantico d’Europa.

Trnava
Trnava è un Centro medievale con esempi di chiese rinascimentali e sinagoghe. Situata a nord-est della capitale Bratislava, dalla quale dista 50 km, Trnava è sede arcivescovile e universitaria. La città, per le numerose chiese che vi sorgono, è soprannominata la “Piccola Roma” o la “Roma slovacca” (Slovenský Rím). Durante la conquista dell’odierna Ungheria da parte dell’Impero Ottomano, nel 1541 Trnava divenne la sede dell’arcidiocesi di Strigonio (Esztergom- Budapest), e qui si stabilirono molti ungheresi in fuga. L’Università di Trnava (1635-1777), gesuita, era l’unica università del regno di Ungheria all’epoca e fu fondata allo scopo di sostenere la Controriforma, ma divenne poi presto un centro di cultura e letteratura slovacca.