Home Veneziano Cavarzere Allagamenti a Cavarzere: senza lavori poteva andare peggio

Allagamenti a Cavarzere: senza lavori poteva andare peggio

allagamenti - via Magellano-1Gli allagamenti della zona di via Mazzini, via Polo e via Magellano, per il pomeriggio di forti piogge che si è verificato a metà giugno, ha fatto tornare di attualità la questione della regimazione delle acque nel centro, oggetto recentemente di un cospicuo intervento. In mezzora sono caduti su Cavarzere 61,75 millimetri d’acqua, questo il dato registrato dalla stazione meteo sita in località Piantazza che, alle 16 di domenica 14 giugno, ha rilevato la caduta di una quantità di acqua da record.

Come ha spiegato l’assessore ai Lavori pubblici Renzo Sacchetto, è stata proprio la forte intensità delle precipitazioni a provocare gli allagamenti, inoltre le pompe che avrebbe dovuto spingere l’acqua verso il depuratore non erano in funzione perché non allacciate alla linea elettrica. “L’Enel aveva previsto di effettuare gli allacciamenti a metà luglio – così Sacchetto – tuttavia, visto che la richiesta e i relativi versamenti da parte di Polesine Acque risalgono addirittura al mese di febbraio, si è impegnata a farli un po’ prima, presto il tutto funzionerà a pieno regime”. L’assessore rende noto anche che, proprio al fine di gestire un’eventuale futuro momento di emergenza, il Comune di Cavarzere ha avviato la procedura per la stipula di un accordo con Polacque e Consorzio di bonifica, finalizzato alla gestione dell’emergenza anche in caso di blackout. “Se si verifica un allarme meteo – spiega – si dev’essere in grado di intervenire con un generatore, nel caso in cui manchi la corrente, in modo da far funzionare le pompe per portar via l’acqua dalla zona più bassa”. Anche il sindaco Henri Tommasi ha evidenziato che si è trattato di un vero e proprio nubifragio. “Acquazzoni di tale intensità – così il sindaco – sono difficili da affrontare anche con impianti totalmente in funzione, tuttavia va rilevato che le nuove tubature e i bacini di laminazione hanno permesso di evitare disagi maggiori. Gli stessi residenti hanno evidenziato che, senza i recenti lavori di regimazione delle acque, l’intera zona, abitazioni comprese, sarebbe andata sottacqua”. Il sindaco annuncia poi l’imminente partenza di un ulteriore intervento di regimazione delle acque, questa volta nella frazione di Boscochiaro. “Si tratta di un’altra zona a rischio – ha detto Tommasi – a breve partiranno i lavori che ci permetteranno di migliorare la situazione attuale in un’area molto delicata dal punto di vista idraulico”.

Le più lette