Home Sport Chioggia Sport Canoa Kayak Chioggia, 14 medaglie ai nazionali di Canoagiovani

Canoa Kayak Chioggia, 14 medaglie ai nazionali di Canoagiovani

pag. 17 foto 3canoa kajak 2Sabato 16 e domenica 17 maggio nel lago piemontese di Mergozzo (VB), si è svolta la prima prova nazionale Canoagiovani sulla distanze 200 e 2000 metri nelle categorie allievi e cadetti. Nel weekend si sono radunati 611 ragazzi tra gli 8 e 14 anni in rappresentanza di 55 società provenienti da diverse regioni del nord e centro Italia. Il Canoa Kayak Chioggia presente con nove canoisti selezionati dall’allenatore Carlo Scuttari, sono riusciti a salire, nelle 18 gare, ben 14 volte sul podio. Risultato strepitoso per i colori del CKC che conferma la grande vivacità del proprio vivaio di giovani atleti. Le quattordici medaglie, suddivise in sette ori, sei argenti e una di bronzo. I canoisti che hanno conquistato l’oro sono: Alessandra Cavallarin K1 cadetti 200 e 2000, Riccardo Boscolo Chio e Andrea Lanza K2 cadetti 2000, Miriam Palonta K1 allievi 200, Andrea Lanza K1 cadetti 200, Mattia Boscolo Marchi K1 cadetti 200, Luca Polello K1 allievi 200. Hanno vinto l’argento: Miriam Palonta K1 allievi 2000, Giulio Ballarin e Riccardo Chiereghin K2 allievi 2000, Mattia Boscolo Marchi K1 allievi 2000, Giulio Ballarin con Riccardo Chiereghin e Luca Polello nella staffetta K1 e K2 allievi 200, Riccardo Boscolo Chio K1 cadetti 200, Mattia Boscolo Marchi con Riccardo Boscolo Chio K2 cadetti 200. L’unico bronzo del CKC è conquistato dall’atleta Riccardo Chiereghin nel K1 allievi 200. Riccardo Ballarin non sale sul podio per pochi secondi arrivando quarto nel K1 allievi 200. Adesso gli stessi atleti parteciperanno alla secondo prova nel mese di luglio a S.Giorgio di Nogaro, per poi accedere alle finali di Caldonazzo in settembre. Inoltre l’associazione Canoa Kajak Chioggia organizza delle uscite con la canoa Dragon Boat una canoa lunga 12 metri che può ospitare tante persone, queste uscite nella laguna del Lusenzo sono rivolte sia alle scuole che alle associazioni disabili e anche alle donne che hanno bisogno di questo tipo di sport per risolvere problematiche legate alle patologie del seno.

Le più lette