Home Veneziano Miranese Sud Mirano, cittadinanza simbolica ai figli dei migranti

Mirano, cittadinanza simbolica ai figli dei migranti

cittadinanza simbolicaIl Comune conferisce la cittadinanza simbolica ai figli di immigrati nati in Italia e residenti a Mirano. Una ventina i “nuovi” miranesi celebrati da sindaco e consiglieri il 5 giugno in corte di Villa Errera, con una festa a cui hanno partecipato anche i compagni di scuola e amici italiani, e durante la quale è stato consegnato ai giovani miranesi di origine straniera un simbolico attestato di cittadinanza. Organizzata da Comune e centro per la pace e la legalità “Sonja Slavik”, in collaborazione con le scuole elementari, la manifestazione ha visto protagonisti dieci maschi e dieci femmine, appartenenti a otto diverse nazionalità: cinque albanesi, quattro marocchini, tre rumeni, tre moldavi, due kosovari, uno tunisino, uno cinese, uno senegalese. La cerimonia è stata accompagnata dai canti, in particolare l’Inno nazionale, eseguiti dagli studenti della scuola “Dante Alighieri”.

“Italiani e miranesi – ha sottolineato il sindaco Maria Rosa Pavanello – questi ragazzi lo sono sempre stati, da quando sono nati, da quando sono venuti ad abitare qui. E’ però un gesto importante e doveroso, del quale siamo orgogliosi, conferire simbolicamente loro la cittadinanza. Una cerimonia pubblica e una giornata loro dedicata è il nostro benvenuto ufficiale a questi giovani concittadini, che, ne siamo certi, contribuiranno in futuro a fra crescere la nostra città, a renderla sempre più bella, un posto migliore dove vivere. Questo gesto assume un’ulteriore valenza: è un segno forte di fratellanza e integrazione, in un periodo in cui la diffidenza verso l’altro, lo straniero, il diverso è in forte aumento, in molti aspetti della società. Invece, lo affermiamo chiaramente in questa occasione, Mirano accoglie. Vogliamo essere tra i precursori: la via della cittadinanza a questi giovani è quella giusta”.

La consigliera Erica Brandolino, delegata alla promozione di una cultura di pace e dei diritti umani, ha spiegato inoltre che “il riconoscimento della cittadinanza ai giovani stranieri, anche a livello simbolico, ha grande importanza al fine di promuovere una integrazione reale nella nostra comunità e l’eliminazione di ingiuste discriminazioni”. La consegna della cittadinanza simbolica ai fi gli di immigrati nati in Italia, che non ha ancora valore legale nel nostro Paese, era stata varata per prima dalla vicina Spinea, ora anche Mirano, da due anni, celebra questo importante momento di integrazione e sensibilizzazione. Lo scorso anno, era il 30 maggio, la cerimonia radunò circa 400 persone per il primo momento di conferimento della cittadinanza, sempre simbolica, a una cinquantina di ragazzi stranieri.

Le più lette