Home Rodigino Rovigo, il neosindaco presenta le linee di governo

Rovigo, il neosindaco presenta le linee di governo

massimo bergamin rovigo“Fare politica significa impegnarsi in prima persona per migliorare la vita dei cittadini ed è quello che intende fare la nostra amministrazione. Una amministrazione che sul dialogo e sul confronto impronterà il suo metodo di lavoro”. Inizia così il documento contenente le Linee programmatiche di governo del sindaco di Rovigo Massimo Bergamin, presentato ieri in consiglio comunale.
Un documento, che si basa su 7 punti: Rovigo sicura, Rovigo in ordine, Rovigo in movimento, Rovigo in equilibrio, Rovigo solidale, Rovigo organizzata, Rovigo città delle rose.
Sul fronte della sicurezza, il primo cittadino sottolinea che “Sicurezza e legalità sono i cardini del vivere civile. L’impegno della nostra amministrazione è quello di garantirle sui diversi fronti della convivenza sociale attraverso l’intervento della Polizia locale”.
Sul fronte dei lavori pubblici, “massima priorità alla manutenzione di strade e marciapiedi. Attenzione anche alle frazioni che con la loro storia e la loro gente rappresentano un patrimonio di tutti”. Niente più Tosap (Tassa occupazione suolo pubblico) in occasione di sagre, feste e manifestazioni. “Sarà quindi importante – prosegue il documento – sviluppare un rapporto diretto con le Frazioni ricostituendo le Consulte, occhi vigili su problematiche ed esigenze di ogni centro abitato”.
Parola d’ordine riciclo: “È doveroso incrementare al massimo la cultura del riciclo, anche e soprattutto attraverso la promozione di una cultura ambientale per le generazioni più giovani, così da garantire un miglioramento del livello di raccolta differenziata e minori costi a carico della comunità”.
Per Bergamin rivitalizzare la città significa anche “ricominciare dal commercio. Rovigo può e deve tornare ad essere una città capoluogo in movimento, attrattiva e accogliente. Lo faremo creando una sorta di cabina di regia che, in concorso con le diverse associazioni di categoria del territorio, ci consentirà di coordinare gli eventi che si terranno in città”. In materia di gestione delle risorse, l’obiettivo è di una gestione migliore e più efficiente, con una macchina organizzativa “in grado di garantire un servizio all’altezza delle richieste del cittadino”.
“Le porte del Comune saranno sempre aperte a famiglie, anziani, disoccupati, disabili e a quanti ci chiederanno aiuto – assicura il sindaco -. Il nostro obiettivo è di realizzare attività di sostegno per le persone in difficoltà in una logica di sussidiarietà e non di assistenzialismo”. Prevista la modifica del Regolamento comunale per l’assegnazione degli alloggi popolari con rivisitazione dei parametri per la formazione delle graduatorie, “dando priorità all’anzianità di residenza, ai nuclei familiari con disabili, anziani, minori a carico e a coloro che non godono di altri sussidi”.
Per concludere, Bergamin promette “attenzione alle scuole, sostegno alle paritarie, al Cur, alla riscoperta delle peculiarità del nostro territorio, alla creazione di eventi culturali, di pacchetti turistici. Valorizzazione anche delle associazioni sportive e delle grandi strutture del territorio, quali il Palazzetto dello Sport, il Battaglini e il Gabrielli”.

Le più lette