Home Rodigino Antonio Brancalion: il campione è tornato e fonda l’Accademia

Antonio Brancalion: il campione è tornato e fonda l’Accademia

Antonio Brancalion dopo un matchC’è già una quindicina di adesioni per la nuova Accademia del Pugilato di Rovigo. Antonio Brancalion l’ha pensata, l’ha studiata e ora è pronto a metterla in pratica. Dopo anni di sudore e una carriera fatta di tanti successi, il pugile rodigino è pronto a tornare in pista con una vera e propria squadra. “Sarà un’accademia dedicata a tutti. Dai più piccoli, dai 6 anni in su. Ci sarà la possibilità sia per donne che per uomini di approcciarsi alla boxe. Agonisti e non”. “Sarò il tecnico principale – precisa Brancalion – al mio fi anco avrò un preparatore atletico, Daniele Bertaggia.

L’Accademia sarà affiliata con la Pino Costantino Boxe di Ferrara. Ho scelto il miglior maestro. Nel periodo estivo metteremo a punto tutti i dettagli e a settembre partirò con il nuovo progetto”. Un bel modo insomma per proseguire quello che è la sua vita, il suo mondo: la boxe. Brancalion ha un sogno nel cassetto: “La mia intenzione è quella di rendere accessibile l’accademia a tutti. I prezzi non saranno elevati proprio per permettere a chiunque di affacciarsi a questo mondo. Magari un giorno – sogna il campione rodigino – ci sarà un campione della boxe pronto a sfondare nel grande palcoscenico”. Per il futuro, con ogni probabilità si rinsalderà pure la collaborazione con la Rugby Rovigo di Filippo Frati e Tommaso Boldrini. Già in passato Brancalion ha avuto modo di lavorare a stretto contatto con gli uomini della palla ovale rodigina. A Rovigo, città a forte attrazione rugbistica, la boxe sembra aver perso il suo fascino: “Spero con questo progetto di riportare l’attenzione su questo sport. Mi sono messo a testa bassa a lavorare sull’Accademia – precisa Brancalion – perché voglio che questo sport torni ad essere amato in questa città. E ripeto, magari un giorno troveremo un campione capace di rappresentarci in giro per il mondo”. E per un pugile che vuole sfondare serve tanta attenzione sugli allenamenti e sulla dieta: “L’allenamento è fondamentale e bisogna programmarlo di anno in anno. Serve potenziamento, resistenza e velocità – precisa Brancalion – e sulla dieta giornaliera bisogna fare molti pasti ma, a suo tempo, mangiare poco con carboidrati e proteine insieme”.

E a proposito di pugili, a Brancalion non si poteva non chiedere una battuta sul giovane Marcello Matano di Occhiobello che sta trovando spazio un po’ alla volta nella boxe che conta: “Marcello è giovane e può maturare molto. Ha un bravo allenatore e sa gestirsi alla grande. Sono sicuro che ha tutte le caratteristiche per diventare un campione. So che si allena molto seriamente”. Intanto, per il due volte campione italiano in due differenti categorie, è pronta la nuova avventura che si chiama Accademia del Pugilato. Magari un giorno a Rovigo ci sarà un nuovo Rocky Balboa: “Sono sincero: il film è molto bello, anche per la musica. Se devo però ispirarmi a un fi lm su un pugile preferisco Toro Scatenato (fi lm del 1980 di Martin Scorsese dove Robert De Niro interpretava il peso medio Jake LaMotta, ndr.) perché la trama si avvicina di più alla realtà”.

Riccardo Pavanello

Le più lette