Comune di Cadoneghe, gettone di presenza alle famiglie colpite dal tornado in Riviera

Una villa del '600 è tra gli edifici distrutti dalla tromba d'aria che ha devastato ieri pomeriggio un tratto la Riviera del Brenta, nel veneziano. E' Villa Fini di Dolo, nota come Villa Santorini-Toderini-Fini. Si tratta di un complesso, con corpo centrale e barchessa laterale, risalente a quattro secoli fa all'interno del quale era stato allestito un ristorante. Il tornado l'ha cancellato, radendo al suolo tutta la struttura centrale. ANSA/VIGILI DEL FUOCO +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++
Una villa del ‘600 è tra gli edifici distrutti dalla tromba d’aria che ha devastato ieri pomeriggio un tratto la Riviera del Brenta, nel veneziano. E’ Villa Fini di Dolo, nota come Villa Santorini-Toderini-Fini. Si tratta di un complesso, con corpo centrale e barchessa laterale, risalente a quattro secoli fa all’interno del quale era stato allestito un ristorante. Il tornado l’ha cancellato, radendo al suolo tutta la struttura centrale.
ANSA/VIGILI DEL FUOCO
+++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

Il Comune di Cadoneghe ha ufficializzato la prima donazione di un’amministrazione a favore delle vittime del tornado della Riviera del Brenta, riunite nell’Associazione Famiglie Tornado 8/7/2015. “L’Amministrazione comunale ha deciso di devolvere a favore dell’Associazioneun importo pari a tre gettoni di presenza (circa 63,00 euro per ciascun componente) – si legge nel comunicato – A questa somma si aggiungerà quella messa a disposizione dai Consiglieri Comunali e dal Presidente del Consiglio, che devolveranno alle popolazioni colpite dall’evento calamitoso un importo pari a un gettone di presenza ciascuno”.
“La disastrosa tromba d’aria ha provocato ingentissimi danni sia alle persone sia agli immobili – sottolinea il sindaco Michele Schiavo – e quindi ci sembrava importante esprimere solidarietà alle popolazioni colpite dall’evento e sostenerle anche concretamente attraverso i Comuni, istituzioni che più da vicino le rappresentano e possono coordinare gli aiuti e le azioni volte al ripristino di quanto danneggiato. Come molti altri, vogliamo supportare l’Associazione Famiglie Tornado 8/7/2015. In qualità di soci sostenitori e siamo ben felici che dal nostro territorio possano venire significativi gesti di solidarietà, come il concerto di beneficienza organizzato lo scorso 31 luglio dalle Botteghe di Cadoneghe”.
“Siamo grati al primo cittadino e agli amministratori di Cadoneghe – dicono i Volontari del Cuore, che prestano aiuto alle popolazioni colpite – di aver accolto la nostra richiesta di diventare soci sostenitori dell’Associazione Famiglie Tornado 8/7/2015, ma il loro gesto va ben al di là di ogni nostra più rosea previsione. Hanno aperto una strada che speriamo altri amministratori vogliano seguire”.

Lascia un commento