Home Padovano Liceo “Albert Einstein”, corso intensivo di inglese a Piove di Sacco

Liceo “Albert Einstein”, corso intensivo di inglese a Piove di Sacco

classePartirà a settembre un corso intensivo di inglese al liceo “Albert Einstein”, da anni impegnato ad ampliare l’offerta formativa e ad offrire ai propri alunni nuove opportunità per approfondire lo studio della lingua inglese. “Si tratta di una settimana “full immersion” – ha spiegato la referente del progetto, la professoressa Fabiola Guidolin – verrà curata da docenti madrelingua e sarà un’occasione per creare un ambiente comunicativo che stimoli le abilità orali, in particolare la conversazione e l’ ascolto”. Gli insegnanti, tutti lettori esperti, parleranno esclusivamente inglese durante le attività che si svolgeranno nel corso della seconda settimana di settembre, tutti i giorni dalle 9 alle 12. “E’ già molto alta l’adesione degli studenti – ha aggiunto la docente – considerato anche il costo relativamente modesto della quota di partecipazione. Ecco perché i due corsi che avevamo previsto in un primo momento, stavolta, verranno raddoppiati”. Anche quest’anno, poco prima dell’inizio delle lezioni, i ragazzi avranno la possibilità di partecipare alla tradizionale settimana di vacanze studio a Londra organizzare dal professore Giuseppe Gazerro. Sono già una trentina gli studenti che hanno aderito all’iniziativa. A giugno, invece, una cinquantina di alunni delle classi quarte hanno sostenuto a Padova la prestigiosa certificazione FCE dell’Università di Cambridge : un diploma che certifica un alto livello di competenze linguistiche. “I risultati degli ultimi anni – fanno sapere i docenti – hanno posto il liceo piovese a un livello assolutamente pari a quello dei più blasonati istituti padovani”. “Queste sono solo alcune delle opportunità che offriamo nel campo delle lingue – ha concluso Gazerro – ma non dimentichiamo i moduli di lettorato primaverili, gli scambi con la Francia e la Germania per gli studenti iscritti all’indirizzo “Linguistico” e le varie iniziative culturali come gli spettacoli e le conferenze in lingua che da anni coinvolgono le classi del triennio”.

Martina Maniero

Le più lette