Home Riviera del Brenta Riviera Est Sportello donna, boom di richieste d’aiuto

Sportello donna, boom di richieste d’aiuto

sportello donnamira manifestazioneI servizi per aiutare a superare le difficoltà di genere quando avviati funzionano. Con l’avvio dello Sportello donna a Mira infatti, a pochi mesi dall’apertura sono giunte ben 57 richieste di aiuto, che sono arrivate dal territorio, dalle residenti. Questi i numeri che emergono dal report del Comune rivierasco dei primi sei mesi del servizio. A raccogliere le richieste ci sono tre operatrici: una psicologa, una mediatrice linguistica e una addetta alla segreteria.

Ma andiamo nel dettaglio di chi fra le donne si reca allo sportello ad hoc a chiedere aiuto. “In prevalenza c’è è una utenza italiana con 45 casi – spiegano le operatrici dello sportello – e le motivazioni della richiesta di aiuto sono: il disagio famigliare e problemi di lavori, anche se non mancano alcuni casi di richiesta di aiuto per violenza o maltrattamenti“. Poi altri dettagli. La maggior parte di chi si rivolge allo Sportello donna a Mira ha una età fra i 26 e i 50 anni (in 36 casi), molte sono le disoccupate (24 casi) e anche pensionate ed impiegate. Il 50 % ha un livello di istruzione superiore (maturità a laurea), e sono sposate. Dopo un primo contatto solitamente seguono altri colloqui. Spesso, infatti, soprattutto per il caso delle donne che subiscono maltrattamenti o violenze in famiglia, i problemi emergono un po’ alla volta e per far emergere e far denunciare il problema, occorrono più incontri e occorre che queste persone si fi dino delle interlocutrici che si trovano davanti.

“Lo sportello donna – spiega l’assessore alle Pari Opportunità del Comune di Mira, Orietta Vanin – non è solo un front office. In questi mesi ha organizzato momenti di informazione e confronto sui temi di genere e ha organizzato laboratori di cucina, corsi di ballo, autostima, training autogeno, di italiano base per donne migranti, di orientamento al lavoro, sugli aspetti legali e psicologici, sulle coppie separate e sulle violenze all’interno della famiglia”. Insomma, un utile servizio per tutte quelle donne in difficoltà, che hanno bisogno dei consigli e dell’aiuto di personale specializzato per uscire da situazioni davvero difficili. Lo sportello è aperto dalle 10 alle 12: il martedì, giovedì e venerdì. Per informazioni e contatti si può chiamare il 348-9882824 dalle 9 alle 13 dal lunedì al venerdì. Via mail sportello.donna. mira@tiscali.it. Sul tema dell’estensione e della tutela dei diritti, il comune rivierasco sembra essere sempre in prima linea. Qualche mese fa, infatti, il parlamentino locale ha approvato un regolamento comunale che dà la possibilità di erogare gli stessi servizi alle coppie di fatto, anche dello stesso sesso.

Alessandro Abbadir

Le più lette