Turismo nel Delta, dati incoraggianti

porto levanteIl territorio deve guardare al turismo, per quanto riguarda il suo futuro. E in questo contesto è fondamentale l’azione dello Iat. E’ quanto è emerso dall’incontro di lunedì 13 luglio tenuto nella sede dell’ufficio informazioni accoglienza turistica di Porto Levante, sugli aspetti naturalistici e culturali che caratterizzano l’offerta turistica del Delta del Po e nel Polesine. L’incontro è stato voluto dal Comune di Porto Viro e dalla cooperativa Turismo e cultura. Il progetto prevede l’attivazione di una rete tra operatori turistici, commerciali e culturali e conseguenti incontri di formazione, informazione, oltre a dibattiti ed eventi, al fi ne di diventare punto di riferimento par la promozione del territorio. Si è quindi tenuta la visita al Casone di Valle Bagliona. Dopo i saluti del sindaco di Porto Viro Thomas Giacon e dell’assessore al turismo Silvia Gennari, che ha esposto con Donatella Girotto di Turismo e cultura la proficua collaborazione iniziata, sono stati illustrati agli operatori gli obiettivi generali del Punto Iat. Secondo i dati forniti dall’osservatorio nazionale del turismo di Unioncamere per la stagione in corso le presenze cresceranno fi no a toccare un incremento del 45% per quei turisti, soprattutto cinesi e coreani, che seguono i trend legati alla natura, allo sport e all’enogastronomia. Sono dati molto importanti, che dovrebbero tracciare il cammino di uno sviluppo volto a intercettare questi gusti e queste tendenze, per le quali tra l’altro il Basso Polesine sembra fatto apposta. “I dati emersi sul turismo nel nostro territorio sono quindi incoraggianti -spiega l’assessore Silvia Gennari – per un settore in crescita, che nelle ultime settimane può contare anche sul servizio dello Iat per una rete sempre più ampia tra operatori, come imprenditori, operatori turistici locali e le due pro loco di Porto Viro, rappresentate nell’incontro dalle due presidenti”.

Elisa Cacciatori

Lascia un commento