Home Veneziano Miranese Nord Via libera al Piano delle Acque

Via libera al Piano delle Acque

allagamentiIl Consiglio comunale di Noale ha dato il via libera unanime al Piano delle Acque, che individua quali sono i punti più critici per gli allagamenti, e indirizza di conseguenza, lo sviluppo urbanistico. Dai rilievi fatti nei mesi scorsi, sono via Stretta, via Dei Tigli, via Goldoni, via Ongari, via Ronchi, via Crosariole, via Spagnolo, via Contea e via Fosse, a essere considerate come le aree a rischio idraulico del comune, e individuate dal Piano delle Acque mostrato ai cittadini nei giorni scorsi dai rappresentanti Comune, consorzio bonifica Acque Risorgive e della Provincia. Grazie a un lavoro d’indagine delle principali condotte del centro, è stato possibile realizzare un modello informatico che simula la risposta idraulica e, di conseguenza, individuare quelle opere per mettere in sicurezza il territorio. E su queste zone, nei prossimi mesi si dovrà mettere mano, anche se in qualche strada si è già iniziato a intervenire.

Un occhio di attenzione ci sarà per Moniego, dove ci sono i punti più critici e gli allagamenti sono piuttosto frequenti. “Su via Fosse – spiega l’assessore alla Manutenzione Andrea Muffato – sono state messe delle porte a vento. Su via Ongari, altra zona critica, sono conclusi i lavori del fossato a ovest della strada, mentre c’è stata la manutenzione del corso d’acqua per crearne poi un altro tra la superficie umida e la linea ferroviaria per permettere uno scolo più effi cace. Da inizio anno siamo intervenuti anche lungo via Crosariole, parte di via Ronchi e di via Colombara, per un totale di oltre 3 chilometri di corsi d’acqua”. La maggioranza, poi, ha intenzione di non fermarsi qui e ha idea di aprire altri cantieri per trovare una soluzione agli allagamenti che spesso hanno contraddistinto il territorio. In passato, infatti, le piogge hanno creato non pochi problemi, proprio nella zona di via Ongari, ma dallo studio si vede come siano più d’uno i punti dove intervenire.

Il tutto servirà a difendere i nostri corsi d’acqua e dovrebbe consentire di raggiungere gli obiettivi del Patto dei Sindaci Venezia 202020. “Questo è solo il primo passo – continua Muffato – perché i residenti aspettano questi lavori”. Ora la giunta dovrà inviare i documenti alla Regione perché siano sottoposti alla Valutazione ambientale strategica (Vas). Il voto favorevole all’adozione del Piano delle acque è arrivato anche dalla lista civica “Noalesi al Centro” e Lega, permettendo di votare a favore all’unanimità. “Diamo il parere positivo – dicono i due rappresentanti Michele Cervesato e Sergio Vallotto – ed è un lavoro nato ancora tempo addietro, e prima lo adottiamo, meglio è”.

Alessandro Ragazzo

Le più lette