Villa Farsetti si offre come palcoscenico ai grandi eventi

Expo Beer Festival in Villa FarsettiLa birra protagonista svela nuovi orizzonti per Villa Farsetti. Un festival nel parco del “gioiello” salese ha infatti offerto spunti di riutilizzo alla giunta comunale: 27 mila presenze all’Expo Beer Festival di giugno, con pienone quasi tutte le sere, in dieci giorni di concerti, stand e degustazione di oltre cento diverse tipologie di birra. Il sindaco Nicola Fragomeni gongola e annuncia: “La nostra villa è pronta per i grandi eventi”. L’idea non è tanto quella di replicare l’appuntamento, ma di aprire la monumentale villa a nuovi eventi di massa, pur con tutte le precauzioni del caso, che tuttavia anche all’Expo Beer non sono mancate. “Mai visto tante famiglie vivere la villa come in quei giorni – ha affermato soddisfatto Fragomeni – molti cittadini mi hanno confidato che era ora che in villa si facesse qualcosa: è la nostra piazza, credo che possa ospitare grandi numeri e non nascondo che alla vigilia c’erano anche da parte mia timori per aprire i suoi spazi a questo tipo di manifestazioni. Invece tutto è andato liscio, le prescrizioni di sicurezza che avevamo dettato all’inizio e su cui eravamo stati intransigenti, sono state rispettate ed è stato un piacere per gli occhi vedere tavoli che vanno a ruba e parcheggi pieni”.

In realtà l’apprezzamento non è stato unanime, e qualcuno ha perfi no chiamato i carabinieri per protestare contro la musica troppo alta che saliva dal parco. Ma al di là dei distinguo, inaspettatamente il Comune potrebbe aver trovato il modo per portare fuori le famiglie e tenere i salesi in paese, senza per forza cercare appuntamenti di richiamo nelle piazze più appetibili, vedi le vicine Mirano e Noale. “Una riflessione su quanto questa villa può essere vissuta va senz’altro fatta – conclude il sindaco – da parte nostra c’è l’intenzione di valorizzarla al meglio, e appuntamenti come quello appena concluso possono e devono essere ripetuti”. In paese le proposte per gestire una villa Farsetti a dimensione di cittadini non mancano: Giuseppe Rodighiero, capogruppo di Civica Insieme, suggerisce una gestione da parte di terzi degli appuntamenti in villa. “Negli anni si é investito poco in ambito culturale a Santa Maria di Sala – afferma – soprattutto non si è riusciti a dare continuità a certi progetti. I fondi a disposizione per investire in questo campo sono sempre meno, e inoltre bisogna cercare di sfruttare al meglio le potenzialità di Villa Farsetti e delle sue adiacenze. Si potrebbe verificare se ci sia o meno un’associazione culturale o una fondazione interessata a gestire e a promuovere le attività culturali, artistiche e teatrali in Villa. Gestione che avverrebbe dopo la stipula di una convenzione, che stabilirebbe anche il canone annuo che il soggetto, pubblico o privato che sia, si impegnerebbe a pagare al Comune. Immagino, ad esempio, che un’associazione potrebbe aprire anche una caffetteria, richiesta da molti cittadini, e sollevare da una notevole mole di lavoro gli uffici comunali”.

Filippo De Gaspari

Lascia un commento