Adria, confronto sul progetto di riforma Ipab

CSAAdriaSarà l’assessore regionale alle politiche sociali Manuela Lanzarin a tirare le fila del confronto pubblico venerdì 11 settembre ad Adria sul progetto di legge di riforma delle Ipab, le istituzioni pubbliche di beneficenza e assistenza create dalla legge Crispi del 1890.

Il convegno, promosso dall’Uripa (Unione regionale istituzioni pubbliche e private di assistenza agli anziani) con il Centro Servizi Anziani di Adria nella Casa delle Associazioni e del Volontariato di via Dante 13/A (ore 17.30), intende fare il punto sull’iniziativa legislativa assunta dalla giunta Zaia (Pdl 25) e attualmente all’esame della commissione Sanità del Consiglio veneto.

Ad aprire il confronto di venerdì, sarà la presidente del Centro Servizi di Adria, Sandra Passadore. Dopo i saluti del sindaco di Adria Massimo Barbujani, del direttore generale dell’Ulss 19 Pietro Girardi e dell’assessore regionale polesano Cristiano Corazzari, sarà la volta dell’approfondimento degli aspetti economico-finanziari della riforma (affidato a Renzo Alberton Gangai) e degli aspetti giuridici spiegati da Alceste Santuari, docente di economia non profit all’Università di Bologna.

Concludono Roberto Volpe, presidente regionale Uripa, e l’assessore al sociale Manuela Lanzarin. “Mi auguro che in questa legislatura il disegno di trasformazione delle Ipab possa procedere a passo spedito –commenta l’assessore al sociale – perché è sempre più necessario riconoscere nuova autonomia e nuove funzioni a questi istituti. Se queste storiche istituzioni, circa 300 in Veneto, che da oltre 120 anni costituiscono il perno dell’assistenza ad anziani e minori, riusciranno a diventare moderne aziende di servizio – conclude l’assessore – il Veneto potrà disporre di una rete potenziata di centri residenziali aperti al territorio, offrendo così alle famiglie servizi migliori e diversificati, con un risparmio per l’intera collettività”.

Lascia un commento