Ariano, bloccato un rave party dai carabinieri

Carabinieri 112--U1503725975540cG-135x94“La notizia riguardante il rave party organizzato nell’area compresa fra Rivà ad Ariano nel Polesine e Ca’ Vendramin a Taglio di Po che, grazie al tempestivo intervento delle forze dell’ordine, non ha avuto la sua completa realizzazione, mi ha da un lato preoccupato e dall’altro rassicurato”. Lo dice il sindaco di Ariano Nel Polesine Carmen Mauri.

“Preoccupato – prosegue – perché queste feste non autorizzate lasciano spazio ad interpretazioni poco rasserenanti. Chi non ha nulla da nascondere segue le regole. Rassicurato perché l’intervento dei carabinieri ha dimostrato la concreta attenzione che i nostri tutori dell’ordine hanno verso il nostro territorio. Assembramenti di questo tipo che rischiano di danneggiare aree protette e trasformarle, come stava accadendo, a discarica di rifiuti vanno decisamente condannati e stroncati sul nascere. Altre sono le forme di divertimento e socializzazione che i giovani possono utilizzare e sulle quali può esserci la dovuta attenzione”.

Ad esprimersi in merito anche il consigliere di minoranza Luisa Beltrame. L’operato delle forze dell’ordine – spiega – è stato sicuramente mirato e gestito evidentemente in modo appropriato e adeguato. Un dato mi allarma, perché il nostro territorio da un po’ di tempo è nel mirino per raduni e feste di questo genere; ben sappiamo che insieme alla musica, purtroppo queste feste sono l’occasione, anzi il pretesto per far circolare droga, alcool. Questi raduni richiamano ragazzi da fuori provincia e regione ma anche certamente giovani delle nostre realtà”. “Allora – conclude – è certo che la guardia debba essere mantenuta alta, e le forze dell’Ordine sicuramente hanno ben presente e sanno quali sono le zone da tener monitorate e controllate, e il come fare ciò. Credo anche che da parte delle realtà locali, delle amministrazioni comunali, ognuno per le proprie competenze, per la conoscenza del territorio e delle singole realtà, debba essere creata una rete di collegamento”.

 

Guendalina Ferro

Lascia un commento