Aula studio 2.0: una web serie made in Chioggia

I protagonisti e i creatori della web serieLa creatività di alcuni ragazzi di Cavarzere e di Chioggia, con l’appoggio della Fondazione Clodiense, ha realizzato un prodotto davvero eccezionale: una web serie che racconta come si studia nell’epoca di Internet e di Facebook.

“Aula studio” – questo è il nome della serie – è uscita il 21 settembre e per dieci settimane, ogni lunedì sera, racconterà nei canali aperti su Youtube e Facebook la vita di un gruppo di studenti universitari, impersonati da Enrico Veronese, Enrico Febo e Sara Voltolina, alle prese con la ricerca un po’ comica e un po’ assurda di un libro che permetta loro di passare gli esami senza faticare.

Oltre ai protagonisti, si avvicendano sulla scena anche gli amici, gli avversari, i partner e un gruppo di esilaranti personaggi come un’avvenente studentessa (Giulia Boscolo), un avvocato rigidissimo (Enrico Arrighi), uno stralunato hippie e uno strano tipo che trascorre tutto il tempo al bagno (Giulio Giuriato) che avranno un ruolo importante nell’aiutare i protagonisti nella loro ricerca.

L’idea di una web serie che racconti il mondo studentesco è nato dalla Fondazione Clodiense che, dopo aver finanziato un corso-concorso di circa due mesi, diviso in varie categorie (video, scrittura, foto, vignette, radio), per 20 ragazzi di un’età compresa fra i 18 e i 25 anni, ha chiesto alla chioggiotta Elena Spanio e ai cavarzerani Enrico Arrighi e Luigi Pinton di realizzare questo progetto multimediale, per dar loro l’opportunità di mettersi alla prova e di sperimentare quanto appreso in precedenza.

Le riprese si sono svolte presso la biblioteca civica Cristoforo Sabbadino, i cui responsabili hanno messo a disposizione le sale, mentre Marco Pieretto ha curato la post-produzione ed Alessandro Donin le musiche originali.

Infine bisogna rilevare che Spanio, Arrighi e Pinton fanno parte del gruppo dei nove video maker (gli altri sono Andrea Storchi, Damiano Ballarin, Enrico Meneghelli, Giulia Vianelli, Laura Sambo, Sara Pigozzo) che hanno partecipato al laboratorio cinematografico di Andrea Segre, nel quale hanno avuto l’opportunità di girare dei cortometraggi tra le calli di Chioggia, guidati dalla mano sapiente del regista di “Io sono Li” e il cui risultato è stato presentato l’8 settembre nientedimeno che al Lido di Venezia durante la 72esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica.

Lascia un commento