CALCIO. Un girone di ferro per la Clodiense

ClodienseLa Clodiense quest’anno è stata inserita nel girone toscoromagnolo della serie D girone d; questo impedirà di avere l’attesissimo derby con il Mestre e con il Venezia che quest’anno ripartirà per l’ennesima volta dai dilettanti per il fallimento della società del ex presidente Korablin. Un girone di ferro molto più competitivo di quello veneto, dove saranno impegnate formazioni blasonate, in primis il Parma, che l’anno scorso militava in serie E, il San Marino che dà un tocco internazionale al girone E, che ha militato per molti anni in Lega pro; poi ci sarà l’Altovicentino del presidente Dalla Rive che l’anno scorso ha sfiorato la promozione, poi Imolese e Delta Rovigo che ha cambiato denominazione – l’anno scorso si chiamava Delta Porto Tolle – e giocherà al comunale di Rovigo.

Novità assoluta per la serie D: ci saranno tutte le telecronache in diretta su Sky del Parma. Per la Clodiense – che ha attuato l’ennesima rivoluzione nella formazione avendo ceduto i pezzi migliori Santi, Mastroianni, Casagrande e Piaggio e ha sostituito anche l’allenatore Pagan con Maurizio Rossi – sarà un anno molto difficile. Le prime amichevoli hanno dato segnali negativi con formazioni di categorie inferiore. Nelle ultime settimane il presidente Bielo e il direttore sportivo Gallo sono corsi ai ripari, ingaggiando l’ex primavera Juventus l’anno scorso al Locarno in Svizzera Stipe Simuach, anno di nascita: 9 giugno 1994. E’ un attaccante molto forte fisicamente che vede molto bene la porta, mancino ma possiamo dire che utilizza entrambi i piedi e, nonostante giochi in avanti, è sempre molto aggressivo e pronto a pressare per primo il portatore di palla avversario. 83 chilogrammi, doppio passaporto (Croazia e Svizzera), prima punta nel “curriculum”, anche due stagioni nelle giovanili della Juventus, poi ha giocato in Svizzera con il Locarno.

Preso anche Nicola Botticini dalla Sambenedettese, centrocampista, classe ‘94. Appena arrivato a Chioggia si presenta cosi: “Ho scelto Chioggia, perché dopo un estate tormentata, ero in trattativa con squadre che poi, in seguito al calcio scommesse, sono fallite, quindi mi sono trovato ad aspettare squadre. Poi è arrivata la chiamata del Chioggia, società seria, nuova, che mi riavvicina un po’ a casa… Quindi sono contento! Sono un jolly di centrocampo e all’occorrenza terzino, diciamo che mi piace giocare sull’esterno… Mezz’ala o esterno di centrocampo! Spero di disputare insieme alla squadra una buona stagione e riuscire ad ottenere la salvezza il prima possibile; poi si vedrà! Sono di Brescia, ho giocato 9 anni nelle giovanili del Brescia e 2 nel Chievo, a 17 anni sono andato in C2 dopo di che una serie di scelte sbagliate e il fatto di affidarmi a gente sbagliata mi ha portato a fare 3 anni di D, seppur in grandi piazze blasonate che hanno poco a che vedere con la Serie D! Negli ultimi anni sono stato impiegato per la regola degli under più come terzino diciamo, forse per questo ho fatto un po’ fatica in zona gol, ma mi sono rifatto con parecchi assist per i compagni! Il mio obiettivo è di fare una bella stagione qui a Chioggia e togliermi delle belle soddisfazioni, poi si vedrà…”.

Lascia un commento