CALCIO. Us. Codevigo, si ricomincia con entusiasmo e ambizione

CODEVIGO CALCIORiparte con entusiasmo e ambizioni la stagione calcistica dell’U.s. Codevigo. La società del presidente Adriano Viale punterà anche quest’anno su una proposta completa, con squadre in tutte le categorie e fasce d’età. A seguirle una schiera di allenatori, preparati e competenti, che cercheranno di trasmettere agli atleti tutti quei valori tecnici e umani che la società da sempre si prefigge. Alla guida della prima squadra, che milita in Terza Categoria, è stato confermato Michele Boscolo. “Siamo pronti per una nuova avventura – sono state le sue prime parole alla vigilia dei primi allenamenti, – ringrazio la società per avermi riconfermato nonostante la cocente delusione dello scorso campionato. Sapere di avere la fiducia massima dalla società mi obbliga sicuramente a contraccambiare, cercando più portare la squadra a togliersi grosse soddisfazioni”.

“Abbiamo fatto un’ottima campagna acquisti estiva – continua il mister passando agli aspetti tecnici – portando giocatori prima di tutto umili oltre che di categorie superiori. Sono tutti ragazzi che conosco e ne ho già allenato nelle giovanili dell’Arzergrande. Abbiamo formato una rosa ampia per dare la possibilità agli infortunati di recuperare con calma. Quest’ anno non possiamo nasconderci: abbiamo l’obbligo di giocarcela fino alla fine per arrivare ai play off e andare avanti il più possibile in coppa. Se ognuno di noi si porrà degli obiettivi e comincerà dagli allenamenti ad essere umile e determinato a raggiungerli penso che arriveranno delle grosse soddisfazioni”.

Altra riconferma anche nella categoria Juniores, con le redini della squadra affidata a Mattia Salvagno. “Sono felice – dice il giovane mister – della possibilità di allenare nel campo nel quale ho tirato i miei primi calci al pallone. Tengo molto a questa categoria ed ora, terminata la campagna acquisti e con l’integrazione in rosa dell’annata Allievi, posso ritenermi soddisfatto dei giocatori a mia disposizione. Non posso dire ancora nulla su ciò che andremo a fare sul campo, ma ho avuto una buona impressione durante la presentazione della squadra. Il verdetto lo darà sempre il rettangolo verde: chi ha più fame e voglia di arrivare, vince”. In estate sono arrivate lusinghe da altre società, ma alla fine Mattia Salvagno ha deciso di restare. “Alla fine il motivo vero e proprio per cui sono rimasto è perché voglio crescere come allenatore e l’U.s. Codevigo è la società giusta con un presidente che ama il calcio come lo amo io”. Cambio di categoria invece per Stefano Boscaro, già mister dei Piccoli Amici e che ora proseguirà con lo stesso gruppo la sua avventura nei Pulcini.

“Quest’anno mi occuperò dei Pulcini 2006/2007 – spiega Boscaro – continuando il lavoro eseguito l’anno scorso con integrazione di alcuni bambini allenati da Luca Zilio. Come ogni stagione cercherò di mettere a disposizione dei giovani calciatori tutta la mia passione e tutta la mia volontà per farli divertire e dare loro la possibilità di giocare a calcio il meglio possibile. Gli obiettivi sono gli stessi dei passati anni: imparare le basi del calcio, capire che la cosa principale non è vincere ma migliorarsi e impegnarsi sempre al 100% ed infine aiutarsi ad essere un unico gruppo. Ai genitori dico di continuare come l’anno scorso, di seguire i loro figli spronandoli a dare sempre il meglio e supportandoli nei momenti di difficoltà, ricordandosi sempre che questo è solo uno sport”. I calciatori più piccoli (annate 2009/2010) saranno seguiti da Federico Boscolo. “Per me è il secondo anno – è il suo commento – e ringrazio tutto lo staff della società che mi ha fatto sentire uno di casa fin dal primo giorno. Quest’anno ricomincio dai piccoli amici, categoria che ho già allenato per due stagioni quando facevo parte del Sottomarina Lido. Obiettivo della stagione è insegnare le basi del calcio a questo gruppo di bambini, ricordando che il risultato non conta, ma contano l’impegno, il saper fare gruppo e soprattutto divertirsi, che è la cosa più importante”.

Alessandro Cesarato

Lascia un commento