Cracco interpreta a Expo le eccellenze venete

craccoDa Masterchef alle montagne più belle del mondo. Sarà Carlo Cracco l’ospite d’onore dell’evento “Colori e sapori delle Dolomiti – Rosso Tiziano”, in programma mercoledì 16 settembre, a partire dalle 18, all’interno di SpazioBad, a Milano (Via San Marco, zona Brera), nel circuito ufficiale di Expo in Città. Cracco interpreterà i gusti e i sapori tipici delle località dolomitiche, in una rassegna proposta e coordinata da Confindustria Belluno Dolomiti, sviluppata da AIT Dolomiti, in collaborazione con le altre associazioni di categoria bellunesi e con il sostegno della Provincia di Belluno, del Consorzio Bim Piave e della Fondazione Dolomiti Unesco.
Un aperitivo fingerfood, con degustazione di piatti tipici e prodotti di eccellenza delle Dolomiti bellunesi: dai funghi porcini ai formaggi, dalla polenta ai fagioli Igp di Lamon, dall’orzo feltrino all’agnello dell’Alpago, dalle mele (pon prussian) delle Vette Feltrine alle noci. Il tutto preparato sul posto utilizzando un suggestivo Truck (un camion attrezzato con cucina a bordo), ispirandosi al colore di Tiziano Vecellio. I piatti saranno accompagnati da altre eccellenze del territorio: i vini e la birra Dolomiti, prodotta nello storico stabilimento di Pedavena.
Oltre al cibo, la moda. E in particolare un accessorio che contribuisce alla valorizzazione del Made in Italy nel mondo: l’occhiale, il cui distretto si trova proprio tra le montagne più belle del mondo. In questa occasione, si potranno infatti ammirare, per tutta la giornata di mercoledì, alcuni raffinati modelli, realizzati dalle aziende del territorio bellunese, in’esposizione suggestiva e anch’essa ispirata al rosso Tiziano. «Con questo evento – commenta Lorraine Berton, delegata all’internazionalizzazione e alla comunicazione di Confindustria Belluno Dolomiti – vogliamo promuovere le eccellenze del nostro territorio, attraverso una vetrina straordinaria qual è Expo. Sarà una serata speciale, che accontenterà gli appassionati di montagna, del buon cibo, dell’arte e della moda, in un’iniziativa che si ispira al rosso tizianesco, che poi è anche il colore che contraddistingue nel mondo le albe e i tramonti nelle nostre montagne, riconosciute patrimonio dell’Umanità dall’Unesco».

Lascia un commento