Il bilancio politico di Alcide Crepaldi

alcide crepaldiÈ uno degli esponenti politici cavarzerani più conosciuti in città, la sua partecipazione attiva alla vita politica fa parte della storia dei Cavarzere e rappresenta un’importante testimonianza sugli ultimi cinquant’anni. Alcide Benito Crepaldi ha deciso quindi di tracciare un bilancio della propria esperienza, partendo da uno dei momenti più significativi, ossia il conferimento, negli anni Ottanta, del titolo di Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica, un’onorificenza che gli era arrivata dal Presidente della Repubblica di allora, Sandro Pertini. Crepaldi è stato più volte assessore comunale con delega ai Servizi sociali, alla sanità, alla casa di riposo, alle politiche abitative e alla polizia locale nonché all’urbanistica, è stato anche vicesindaco di Cavarzere. Ha sempre militato nella Democrazia cristiana, nella quale è stato membro del direttivo regionale e segretario della sezione cavarzerana.

Ha inoltre avuto l’incarico di consigliere di amministrazione dell’ospedale civile di Cavarzere, nonché dell’ex Ulss di Adria, Cavarzere e Chioggia. È stato vicepresidente della Commissione tributaria provinciale e componente della segreteria provinciale Fidel-Cisl. Crepaldi sottolinea poi che, nel corso degli anni ha avuto anche la nomina, direttamente dal Ministero dell’agricoltura, a sindaco effettivo nel collegio sindacale del Consorzio agrario provinciale di Venezia. Inoltre, è stato uno dei primi a credere nell’avvio della Cittadella sociosanitaria. “Mi sono sempre battuto a favore degli emarginati – queste le parole di Crepaldi – dei disabili e in particolare degli anziani che vivono da soli. Qualche risultato importante posso dire di averlo conseguito: l’avvio del servizio dei pasti a domicilio, del telesoccorso, dell’assistenza sociosanitaria domiciliare da parte di personale paramedico e l’istituzione del servizio notturno e festivo di recapito a domicilio di medicinali urgenti con la collaborazione delle società di vigilanza notturna”.

 

Nicla Sguotti

Lascia un commento