Inaugurato il Camp Nou, nuovo impianto sportivo sul Lungomare Adriatico

campo sottomarinaIl campo da calcetto sul Lungomare Adriatico si rinnova e diventa Camp Nou. Il 13 agosto è stato inaugurato il nuovo impianto sportivo di Sottomarina Lido alla presenza del sindaco e delle autorità comunali. Realizzato dall’ASD Borgo San Giovanni che si era aggiudicata il bando per la riassegnazione gestionale nel 2014, Camp Nou si avvale di strutture moderne e funzionali. Comprende due campi di calcio a 5, outdoor e indoor, quest’ultimo diventa anche campo di tennis. Le nuove strutture ora possono avvalersi di erba sintetica di ultima generazione, così come di spogliatoi sono stati completamente ristrutturati e modernizzati per ospitare due squadre e gli arbitri. Il campo sportivo è stato finalmente predisposto anche per l’accesso a disabili, con bar e servizi per l’utenza nel cuore di Sottomarina. “Nel meraviglioso luogo del Lungomare, è stata fatta una struttura davvero stupenda, a disposizione della cittadinanza e delle associazioni sportive del territorio – afferma il sindaco, Giuseppe Casson – In un’epoca in cui spesso le risorse sono minime e gli strumenti inadeguati, l’incontro tra pubblico e privato può dar vita a queste realizzazioni finalizzate ad offrire un servizio alla collettività”.

Assieme all’Associazione Borgo San Giovanni, hanno collaborato alla realizzazione di Camp Nou anche la Banca di Credito Cooperativo di Piove di Sacco, l’associazione Collavoriamo, la cooperativa sociale Ego Labor, la Commerciale Ferramenta. “Camp Nou è motivo di grande soddisfazione ed orgoglio per noi – spiegano i rappresentanti dell’ASD di Borgo San Giovanni, Gimmi Sambo e Alessandro Doria – La nostra esperienza parte da lontano, quando 30 anni fa iniziammo a diffondere l’attività sportiva. Ci siamo accostati a questo progetto e alla partecipazione gestionale dell’impianto, perché pensiamo sia un’opportunità per l’intera città, oltre che per i giovani e per tutti coloro che praticano sport – e concludono – Con orgoglio e con la massima serietà ci impegniamo a mantenerlo sempre bello e fruibile come in questo primo giorno”. Diego Baldan, presidente del CSEN Venezia, ente di promozione sportiva del CONI, di cui è anche consigliere regionale, si fa sfuggire un’anticipazione sul futuro della struttura: “Assieme al comune stiamo ideando un progetto di attività di monitoraggio delle associazioni sportive e delle molte eccellenze di Chioggia – spiega Baldan – É in cantiere uno sportello per lo sport, un ufficio in cui le associazioni (ma non solo) potranno monitorare, coordinare e gestire una corretta promozione e informazione per il cittadino sulle varie attività”.

L’inaugurazione è proseguita con la benedizione dell’impianto da parte di don Pierangelo Laurenti; con la premiazione, da parte del vicesindaco prof. Luigi De Perini, dello sportivo Alessandro Boscolo “Pevare”, personalità assai nota a Chioggia, per l’impegno profuso in una vita per i giovani e lo sport e con due partite nel nuovo campo esterno, la prima delle quali giocata dalle ragazze di calcio a 5.

SBM

Lascia un commento