Mira, smantellata banda che spacciava eroina

eroina operazione miraNel corso delle prime ore del mattino la Compagnia carabinieri di Mestre ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Venezia a carico di 5 soggetti, tutti di nazionalità tunisina, responsabili a vario di titolo del reato di “spaccio di sostanze stupefacenti”.

L’indagine “Lucky Steak” ha avuto origine da un’attività della Tenenza dei carabinieri di Mira ad agosto 2013 nei confronti di un gruppo tunisini che in quel periodo vivevano in un appartamento di Oriago e gestivano una fiorente attività di spaccio di “eroina” tra Mira, Mestre e Marghera. Gli scambi avvenivano abitualmente nelle aree verdi in zona “Palasport Taliercio” di Mestre e “Panorama” di Marghera con cadenza pressoché giornaliera. Per le ordinazioni si ricorreva ad un linguaggio in codice: gli acquisti delle dosi erano definiti “punture”. La droga, custodita sottoterra all’interno di aree verdi pubbliche, veniva dissotterrata al momento e suddivisa in piccole quantità in modo da essere ceduta al dettaglio secondo quanto concordato con gli acquirenti.

Nell’ultimo trimestre del 2013 erano stati immessi sul mercato circa 1,5 kg di eroina, per un controvalore di 45.000 euro, spacciando a settimana circa 1 etto di stupefacente con un giro d’affari settimanale di circa 3.000 euro.

Lascia un commento