Prescrizione delle tasse: quando e come scatta

tasse-italiaIn quanto tempo si prescrivono le tasse? La prescrizione è la sanzione per non aver esercitato un diritto nei termini. Un credito prescritto è dunque un credito estinto. In questo articolo ci occupiamo dei termini di prescrizione dei crediti oggetto di cartelle esattoriali. Decorsi tali termini, senza che sia stato notificato al contribuente un atto interruttivo (lettere di messa in mora, avvisi, cartelle), i crediti si estinguono. Diversa dalla prescrizione è la decadenza, cioè la sanzione per non aver esercitato una determinata azione necessaria ad acquisire un diritto. In tema di riscossione tramite cartelle esattoriali (quelle cioè notificate da Equitalia), prescrizione e decadenza spesso vengono confuse. Vediamo allora come si traducono: se Equitalia non ha notificato alcun atto interruttivo il diritto si prescrive e non sarà possibile in alcuna maniera pretendere il pagamento; se invece Equitalia non notifica avvisi e cartelle entro certi termini decade comunque dalla possibilità di riscuotere ma il credito rimane in piedi e dovrà essere fatta una causa ordinaria.

Di seguito elenco i termini di prescrizione di determinati tributi:

  • Contributi INPS 5 anni (10 per contributi anteriori

al 1 gennaio 1996 e per somme aggiuntive)

  • Contributi INAIL 5 anni
  • IRPEF 10 anni
  • IRAP 10 anni
  • IVA 10 anni
  • IMU, ICI 5 anni
  • TASI, TARSU, TOSAP e altri tributi locali 5 anni
  • Sanzioni per violazione

al codice della strada 5 anni

  • Bollo auto 3 anni
  • Canone RAI 10 anni
  • Diritti annuali C.C. 10 anni (5 per sanzioni)

 

Studio legale Avv. Alberto Ferri – Tel. 041 540 2655 – avv.ferri@gmail.com

Piazza Vittoria, 97 – Martellago (Ve)

Lascia un commento