Alimentazione, l’importanza degli antiossidanti nella prevenzione di tumori e infarti

cibi-antiossidantiNegli ultimi decenni l’aspettativa di vita si è allungata grazie alle migliori condizioni igenico-sanitarie e farmacologiche, ma la società in cui viviamo ci costringe a tenori di vita non adeguati. Una vita sedentaria, lo stress, i pasti veloci in bar e fast food, un aumentato consumo di bevande alcoliche associati all’inquinamento ed al fumo di sigaretta, divengono fattori di rischio che favoriscono una produzione elevata di radicali liberi, sostanze altamente reattive, che portano allo stress ossidativo e ad una serie di danni cellulari associati. Questi sono la base per l’insorgenza di numerose patologie croniche debilitanti quali il diabete, l’infarto, l’icus, l’osteoporosi o i tumori.

Evidenze scientifiche hanno dimostrato che queste malattie possono essere prevenute, o quanto meno ritardate, mantenendo negli anni uno stile di vita sano ed una nutrizione equilibrata. Le sostanze in grado di proteggere il nostro organismo dalle aggressioni a cui è sottoposto sono gli antiossidanti.
Questi rappresentano una serie di sostanze e agenti fisici capaci di rallentare e/o prevenire l’ossidazione di altre sostanze, causata in particolare dalle molecole di radicali liberi.

Gli antiossidanti sono in parte prodotti dal nostro organismo ed in parte sono assunti con alcuni alimenti. Nel nostro corpo abbiamo una serie di barriere che riducono la concentrazione di radicali liberi bloccando le reazioni di inizio per contrastarne la propagazione oppure inattivandoli. Alcuni alimenti contengono antiossidanti naturali come i polifenoli, le catechine, i tocoferoli.
Tra gli alimenti particolarmente ricchi di polifenoli troviamo: il tè verde, la curcuma, il cacao e il cioccolato fondente, i frutti di bosco, gli agrumi, le ciliege, l’olio di oliva spremuto a freddo, l’aglio, la cipolla, il radicchio, i cavoli, i broccoli, il pomodoro.

Teniamo presente che la quantità di polifenoli e fitonutrimenti presenti in tali alimenti varia, anche in misura considerevole, in relazione alle tecniche colturali, al grado di maturazione, al tempo intercorso tra raccolta e consumo e in funzione al grado di cottura dell’alimento stesso. L’importanza degli antiossidanti, nella prevenzione delle patologie croniche cardiovascolari e tumorali, porta l’Organizzazione Mondiale della Sanità a suggerire di mangiare cinque porzioni giornaliere di frutta e verdura, ricordiamocelo ogni giorno mentre consumiamo i nostri pasti!

Dott Edoardo Debelli
Biologo nutrizionista
Farmacia Tre Colombine-Rovigo
Farmacia Zanetti –Lendinara
Cell 339 7782538
debelli@nutrizionista-benessere.it

Lascia un commento