Chioggia: Palazzo Granaio, parte la ristrutturazione dell’edificio storico

Chioggia_Palazzo_Granaio_R01Dopo anni di attesa, false partenze e ritardi, si sta per chiudere il complesso iter burocratico, per il recupero e il risanamento del bene storico monumentale, tra gli edifici più antichi e di pregio del centro storico, risalente all’epoca medievale. Il cantiere si aprirà entro la fine dell’anno.

“Con le ultime acquisizioni dei pareri degli enti coinvolti e con la stipula del contratto con l’impresa, chiudiamo a giorni questo tormentato e intricato percorso burocratico per la ristrutturazione di Palazzo Granaio e per la creazione di uno spazio espositivo – spiega l’assessore ai lavori pubblici, Riccardo Rossi – Gli esercizi ospitati al piano terra non dovranno chiudere nel corso della prima parte dell’intervento di recupero e consolidamento della copertura dell’edificio”.

Si procederà a fasi. Il progetto di ristrutturazione prevede dapprima la mappatura e catalogazione per tipologia dei beni storico – artistici. Si provvederà quindi alla rimozione di tutti i materiali “occasionali” utilizzati e stratificati nel corso degli anni per poter evidenziare e conservare i caratteri architettonici e i materiali originali. Il diverso utilizzo del Palazzo nelle varie epoche storiche ha infatti portato all’impiego, in maniera spontanea, di pavimentazioni di qualsiasi tipo, tramezzature interne, pennellature in laminato plastico, alluminio anodizzato, acciaio verniciato, infissi e controsoffitti di svariati materiali.

I lavori di restauro, che verranno monitorati dalla Soprintendenza di Venezia, procederanno con il consolidamento strutturale del tetto e delle travi della copertura. Infine verrà effettuato l’intervento di adeguamento funzionale e di riqualificazione impiantistica dei locali.

Durante la prima parte dei lavori di restauro le attività commerciali e gli esercenti non saranno costretti a sospendere il lavoro. Le successive fasi dell’intervento verranno realizzate secondo un cronoprogramma concordato con le attività.

Lascia un commento