Taratura autovelox, cosa dice la Corte Costituzionale

autoveloxUna recente sentenza della Corte Costituzionale (n. 113/2015) ha affrontato l’annosa problematica della necessità della taratura e della periodica verifica degli autovelox. Investita al riguardo, la Consulta, ha chiarito che “qualsiasi strumento di misura, specie se elettronico, è soggetto a variazioni delle sue caratteristiche e quindi a variazioni dei valori misurati dovute a invecchiamento delle proprie componenti e a eventi quali urti, vibrazioni, shock meccanici e termici, variazioni della tensione di alimentazione. Si tratta di una tendenza disfunzionale naturale direttamente proporzionata all’elemento temporale”.

Concretamente, ciò si traduce nella necessità di verifiche periodiche degli autovelox, anche successive a eventi di manutenzione, poiché il loro uso risulta strettamente collegato al valore probatorio delle risultanze nei procedimenti sanzionatori (i c.d. “verbali di accertamento”) e un deterioramento è in grado di pregiudicare anche la fede pubblica. In altri termini, viene di fatto imposta una taratura periodica degli autovelox, sia che trattasi di misuratori automatici (già periodicamente controllati), che presidiati (prima esentati dai controlli).

Pertanto, gli organi di polizia stradale, a pena di annullamento delle contestazioni, dovranno dotarsi di protocolli di manutenzione degli autovelox. Automobilisti, dunque, sul piede di guerra. Perlomeno, per tutte le contestazioni non ancora definite (e cioè per quelle in cui non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta, siano decorsi i termini per la proposizione di un ricorso, ovvero sia già stato definito un procedimento giurisdizionale). In tutti questi casi, infatti, ove non risulti direttamente riportato nel verbale la recente taratura, si potrà richiedere la stessa all’organo accertatore, mediante l’accesso agli atti, ovvero l’esibizione del documento o la sua produzione direttamente in udienza, pena, in difetto, l’annullamento del verbale e della correlativa sanzione amministrativa.

Studio Legale avv. Tommaso Rossi, via I° Maggio n. 3, Rosolina (RO)
tel. e fax 0426.340007 – e-mail: info@studio-rossi.net

Lascia un commento