martedì, 5 Luglio 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeRiviera del BrentaRiviera EstCorse Actv, potenziati i controlli a Mira

    Corse Actv, potenziati i controlli a Mira

    Banner edizioni

    bus affollatoRipartono scuole, uffici e attività e nei bus Actv che percorrono la Brentana aumentano furti, borseggi e atti di bullismo, e gente che in massa il biglietto non lo paga. Non manca nemmeno lo spaccio della droga. A spiegarsi è direttamente il presidente dell’Actv, Luca Scalabrin. “Abbiamo avuto – dice – segnalazioni continue in questo ultimo mese e mezzo, di furti e borseggi all’interno dei bus sulla linea 56, e di migliaia di persone, che non pagano il biglietto. E’ la linea da Venezia che porta a Padova lungo la Riviera del Brenta passando per Mira, Dolo, Fiesso e Stra. Abbiamo deciso di intervenire con controlli sempre più massicci da parte volontari dell’Associazione Nazionale Carabinieri, sia nelle ore di punta che alla sera“.

    I dati arrivati ad Actv fanno davvero paura: da metà settembre i furti e i borseggi segnalati sulle corse della linea 56, sono aumentati del 20 % e i passeggeri con abbonamento e biglietto segnalano, che su alcune corse alla mattina, il 50- 60% delle persone, approfittando della calca, sale e viaggia senza pagare. E poi sulle corse si spaccia e non mancano continui atti di bullismo a ridosso degli istituti scolastici superiori. Il presidente dell’Actv va nel dettaglio. “Si tratta – spiega Scalabrin – di segnalazioni circostanziate su cui non si può certo sorvolare. Abbiamo deciso perciò di chiedere sempre più aiuto all’Associazione Nazionale Carabinieri, che potenzierà i controlli”. L’iniziativa, partita qualche mese fa, è stata accolta con entusiasmo dai residenti, che si sentono più sicuri anche di fronte, nel caso delle donne, a vere e proprie molestie sessuali. Non mancano aggressioni e furti di bici nelle rastrelliere. L’azione dei volontari si tiene in coordinamento con i carabinieri e vigili urbani. Salgono sulle corse a rischio, quattro alla volta, mentre un altro rimane alla fermata e ciò fa desistere ad esempio l’abusivo a prendere la corsa successiva. A seguire il bus c’è una macchina di servizio, messa a disposizione dall’Actv.

    “La nostra presenza – spiega per i volontari il vice coordinatore Cesare Cuba – funziona sia come deterrente contro ladri e molestatori, sia come aiuto ad esempio all’azione dei verificatori che a volte sono aggrediti da persone che, viaggiando a sbafo, non vogliono dare le generalità per pagare la multa. Abbiamo notato un aumento di casi di bullismo e traffico di droga fra i ragazzini“. I volontari intervengono anche su chiamata della centralina Actv. “Quando la gente ci vede – conclude Cuba – tira un sospiro di sollievo, e questo per noi è una grande soddisfazione, perché significa che infondiamo sicurezza“.

    di
    Alessandro Abbadir

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni