Sanità, a Este l’esito degli esami si ritira in negozio

este referti centroLa sanità “trasloca” nei negozi del centro. In questi giorni sta partendo in centro storico un’esperienza innovativa, pensata per agevolare il cittadino e per rilanciare l’immagine dei negozi atestini. Si “Ric3@”, acronimo che sta per “Referti in Centro – affidabile, accessibile, assistito”, ed è il progetto avviato da Confesercenti, Comune di Este, Usl 17 e commercianti che permette di ritirare il proprio referto nei negozi del centro cittadino. Gli esisti degli esami del sangue, infatti, saranno disponibili nelle farmacie, ma anche in erboristeria e in parafarmacia. Chi non è ancora avvezzo al download del referto dal computer di casa, dunque, potrà evitare il giro all’ospedale di Schiavonia e approfittare del giretto in centro per la spesa di giornata o per comprare il quotidiano.

Il meccanismo alla base è molto semplice: quando si andrà a fare il prelievo del sangue, sarà possibile dare il consenso all’accettazione del laboratorio dell’Usl 17 per scaricare e stampare il referto presso un punto autorizzato di “Ric3@”. Ritirato il codice e pagato l’eventuale ticket, alla data di consegna basterà recarsi in uno dei sette negozi del centro per ritirare gratuitamente il referto. Il servizio è infatti attivo nelle farmacie Levorato (via Salute), Mantovanelli (via Principe Umberto), Pedrazzoli (Cavour), Zanchin (Porta Vecchia), ma anche nella parafarmacia Atestina di piazza Trento, nella vicina erboristeria L’Agrifoglio e in quella di via Principe Umberto, L’Orto dei Semplici. Il vero ostacolo è stato superare lo scoglio del trattamento dei dati sensibili: un protocollo creato appositamente per il progetto garantirà ogni sicurezza ai cittadini che aderiranno al servizio. “Siamo i primi in Italia ad avviare un progetto simile – spiega la rete di commercianti “Este in Centro” – Fino ad oggi, infatti, il ritiro dei referti era stato pensato solo nella farmacie: noi abbiamo allargato il raggio anche ad altri negozi”. I professionisti impegnati nell’iniziativa sono stati formati, soprattutto in materia di dati sensibili e privacy, attraverso un apposito corso. Con questo mese, il servizio dovrebbe avviarsi completamente. Alla presentazione di “Ric3@” erano presenti, tra gli altri, il direttore generale dell’Usl 17 Giovanni Pavesi, il sindaco Giancarlo Piva e il direttore di Confesercenti Padova Maurizio Francescon, che hanno lodato in particolare la disponibilità dei commercianti del centro storico.

di
Nicola Cesaro

Lascia un commento