Adria, Fondazione Mecenati: è scontro sulle cariche

adria“Massimo Barbujani combina un altro pasticcio. Questa volta in occasione del rinnovo del consiglio di amministrazione della Fondazione ‘Ferrante e Rosita Mecenati’, una delle nostre istituzioni più prestigiose.” Afferma una nota inviata dal Pd. Al centro della questione non solo il rinnovo delle cariche, ma anche una serie di questioni che toccano da vicino la Fondazione, il modo di tutelare la donazione e anche lo stabile che ospita il Conservatorio. In questo contesto quindi secondo i Democratici procedere a nomine “politiche” era l’ultimo dei problemi.

“Un pasticcio – prosegue la nota – che in questa occasione è sottolineato e certificato dalla presidente uscente della stessa Fondazione. Ci dispiace invece per la signora Goffrè che deve essere stata informata male sull’atteggiamento del gruppo consiliare del Partito Democratico. Il Pd non ha fatto fi nta di essere all’oscuro delle vicende della Fondazione. Anzi, ha anche ricordato in consiglio comunale che il consigliere Salvagnin aveva sempre informato il partito sulle vicende dell’istituzione cittadina. La nostra proposta è stata una: quella di avere direttamente la presidente in consiglio per esporre il lavoro del Cda e per sollecitare con più forza il consiglio e la giunta sulle possibili collaborazioni, sui progetti futuri della Fondazione, come peraltro fatto dal presidente Giolo per la Fondazione Bocchi, oltrechè illustrare a tutti le perplessità che anche noi abbiamo ritrovato proprio nella relazione della presidente uscente in riferimento all’atteggiamento della Giunta. Concentrandosi sul comportamento del sindaco la nota continua “Dobbiamo preoccuparci di più dell’agire del sindaco che proprio durante il consiglio comunale ha più volte sottolineato che avrebbe chiesto alla presidente Goffrè una relazione di fine mandato che in realtà aveva ricevuto da mesi. O il Sindaco mente sapendo di mentire, oppure non sa nemmeno di cosa stiamo parlando dimostrando anche in questa circostanza superficialità ed inadeguatezza verso i problemi della Città e le sue tradizioni e istituzioni alcune delle quali evidentemente trascurate. Noi abbiamo coscienza della situazione della Mecenati. E’ stato più che legittimo da parte nostra aver chiesto un approfondimento, utile senz’altro per dare indicazioni al nuovo Cda. La Fondazione con il supporto del Comune doveva e deve decidere su come investire nei modi più produttivi le risorse a disposizione, su come salvaguardare praticamente e giuridicamente lo spirito della donazione, su come affrontare le prospettive del Conservatorio ‘Buzzolla’; su come preservare lo stabile che lo ospita. Per Barbujani l’unico problema da archiviare era la sostituzione il prima possibile dei consiglieri uscenti forse per sostituirli con persone ritenute più ossequienti scegliendo tra l’altro un nome, quello della consigliere comunale Mara Bellettato di Forza Italia, forse dubbio sul piano giuridico ma sicuramente inopportuno sul piano politico per l’evidente problema di ‘conflitto di ruoli’ che porta con sé”.

 

di Martina Celegato

Lascia un commento