Alberto Garbellini e il memoriale di Aldo Moro: in libreria il romanzo d’esordio del giornalista polesano

ImmagineArriva in libreria “Intrigo rosso, caccia al  memoriale di Aldo Moro”, il romanzo d’esordio del giornalista polesano Alberto  Garbellini. Il giornalista della Voce di Rovigo ha tratteggiato una storia che ruota attorno alla ricerca del memoriale di Aldo  Moro, l’insieme dei documenti scritti dal presidente della Dc durante i 55  giorni del suo sequestro nel 1978 ad opera delle Brigate Rosse.

Le carte  scomparse di Aldo Moro (lettere, dichiarazioni, risposte agli interrogatori dei  terroristi) sono ancora oggi uno dei misteri irrisolti di una tragedia che ha  segnato la storia italiana degli ultimi decenni. “Intrigo rosso” è un romanzo che ipotizza il possibile destino del memoriale e  il suo legame con inconfessabili e pericolosi segreti di Stato.

Protagonista  della storia è il cronista Saverio Corsi che, oltre 30 anni dopo quei fatti,  durante un’inchiesta giornalistica sugli ambienti dei centri sociali, si  imbatte nel progetto di ricostituzione delle Brigate Rosse e ritrova, una dopo  l’altra, tutte le tracce del memoriale scomparso. L’inchiesta si trasforma  presto in una caccia al tesoro attraversata da fantasmi del passato e dalle  brame di servizi segreti e doppiogiochisti, in un crescendo di colpi di scena  che strizza l’occhio ai generi spy story, poliziesco e avventura.

La presentazione ufficiale del libro avverrà venerdì 18 dicembre 2015  alle ore 18.15, nella sala della Pescheria Nuova in Corso del Popolo a Rovigo.  Alla presentazione interverranno l’autore e l’onorevole Diego Crivellari,  firmatario della richiesta di ricostituzione della commissione parlamentare d’ inchiesta sul caso Moro che da alcuni mesi ha ripreso ad indagare sui misteri  del sequestro. Alberto Garbellini è al romanzo d’esordio, .

Lascia un commento