Feste di Natale al museo con Peggy Guggenheim a Venezia

Calder's Hall. Peggy Guggenheim Collection. Ph. David Heald
Calder’s Hall. Peggy Guggenheim Collection. Ph. David Heald

Feste di Natale a museo, perchè no? La collezione Peggy Guggenheim di Venezia durante le feste natalizie rimarrà regolarmente aperto per i visitatori dalle 10 alle 18, con apertura straordinaria martedì 29 dicembre e venerdì 1 gennaio, mentre sarà chiuso il 25 dicembre.  L’1 gennaio alle 12 sarà poi il momento per festeggiare insieme l’inizio del nuovo anno con il tradizionale brindisi.

Sono questi gli ultimi giorni per visitare V.S. Gaitonde. Pittura come processo, pittura come vita, in chiusura il 10 gennaio. Oltre 40 opere, provenienti da collezioni e musei internazionali, ripercorrono, meticolosamente, la carriere e la vita di questo incredibile artista, Vasudeo Santu Gaitonde, astrattista indiano, la cui essenzialità, che sempre ne contraddistinse vita, carriera e creazioni, emerge chiara e forte dalle tele in mostra. Con un enorme successo di pubblico e critica, l’esposizione ha raggiunto, dal giorno della sua apertura il 3 ottobre, gli 80.000 visitatori.

Continuano durante il periodo natalizio anche gli appuntamenti con i Kids Day, laboratori didattici gratuiti per bambini dai 4 ai 10 anni. Domenica 27 dicembre dalle 15 alle 16.30 i piccoli partecipanti familiarizzeranno con l’arte e la lingua inglese con il laboratorio Learning English through 20th Century Artists: Jasper Johns mentre il 3 gennaio sarà la volta di I quadr(at)i colorati di Frank Stella. La prenotazione è obbligatoria chiamando il venerdì precedente il laboratorio ai numeri 041.2405401/444.

In attesa della mostra che aprirà il 23 gennaio e che darà il via al ricco calendario espositivo della museo del 2016, Postwar Era: una storia recente. Omaggi a Jack Tworkov e Claire Falkenstein, a cura di Luca Massimo Barbero, il cancello in metallo e vetro commissionato nel 1960 da Peggy all’artista americana Claire Falkenstein, che accoglie i visitatori in museo, è oggi oggetto di un intervento di conservazione, in collaborazione con Save Venice Inc. Il cancello sarà nuovamente esposto proprio in occasione dell’omaggio alla Falkenstein, versatile scultrice americana che, espandendo la forma, comprimendo lo spazio e sperimentando materiali come vetro, metallo e resina, rivela un interesse innato per le infinite possibilità date dal caso e dalla libera scelta nel processo di creazione artistica.

Lascia un commento