Elezioni Cavarzere, il centrodestra si presenta unito e con molte liste

elezioni_comunaliAvvicinandosi la fine dell’anno e le prossime elezioni amministrative, il consigliere d’opposizione Pierluigi Parisotto, capogruppo di Forza Italia, si prepara alla partita elettorale tracciando un bilancio dell’Amministrazione Tommasi e lanciando alcune parole d’ordine per il futuro.

– Consigliere Parisotto, come giudica l’operato di questa Amministrazione? “In modo negativo: il paese si trova in una fase di stasi spaventosa e sembra destinato alla morte civile. Questa Amministrazione si è auto isolata politicamente: il percorso un tempo avviato sull’unità di servizi con Chioggia e Cona si è interrotto e si è mantenuta soltanto la centrale unica di committenza degli appalti con Cona. Inoltre vi è stata la perdita dell’ufficio postale a San Pietro e del giudice di pace, in quest’ultimo caso la Giunta è stata debole nel fornire aiuto a Chioggia con il risultato che ora, per usufruire di questo importante servizio, bisogna andare a Venezia. Per quanto riguarda il sociale, il Comune è riuscito ad ottenere una semplice proroga di tre anni per la gestione della Cittadella Socio Sanitaria: si doveva ottenere molto di più dopo 10 anni dall’insediamento di questo servizio essenziale per i cittadini cavarzerani e non solo, visto che la Cittadella ha ottenuto 300.000 euro di entrate da altre Usl per i servizi offerti ai non residenti, segno evidente della presenza una équipe di specialisti di qualità. Pessima è stata anche la scelta di rompere l’accordo di programma relativo al trasferimento dell’Ipab nella Cittadella: si sarebbe creata un’utile sinergia, inoltre i lavori iniziati ad agosto ancora non si vedono; anche nella gestione degli alloggi si sarebbe potuto fare molto di più, per fortuna l’Ater ha consegnato 58 alloggi nuovi, ma con opportune ristrutturazioni e vendite delle proprietà comunali si sarebbero risolti molti problemi abitativi. Infine per quanto riguarda il lavoro, questa Giunta non ha fatto praticamente niente, soltanto scelte che erano già all’ordine del giorno e non ha fatto mai sentire la propria voce sulla questione della Romea Commerciale, un’infrastruttura che sarebbe stata molto importante per il nostro territorio”.

– A primavera ci saranno le elezioni comunali, come si prepara il suo schieramento politico ad affrontarle? “Essendo il comune di Cavarzere sceso al di sotto dei 15.000 abitanti, c’è un cambio di sistema elettorale, che diventa a turno unico, di conseguenza i vecchi schemi partitici e di area vengono meno. Il centrodestra farà il possibile per presentarsi alle elezioni unito, ma molto probabilmente ci saranno molte liste, con la novità assoluta di liste trasversali, cioè al di fuori delle appartenenze ideologiche, infatti ciò che conta sarà avere obiettivi comuni. La lista che ho in mente, dalla quale uscirà il candidato sindaco migliore, deve essere formata da persone competenti, di buona volontà, con un giusto mix di giovani ed esperti, con alcuni idee precise: l’integrazione veloce e completa con Cona fino ad arrivare ad una fusione tra i due comuni, in modo tale da contare in sede di Città Metropolitana (che si insedierà il 1 gennaio 2016) e in Regione; l’aumento dell’occupazione; il rilancio dei servizi sociosanitari; l’aumento delle infrastrutture e della sicurezza dei cittadini”.

 

di
Nicola Ruzza

Lascia un commento