Aggressione violenta a Mestre: moldavo accoltella alla schiena il fidanzato della sorella

aggressioneUn altro episodio di violenza si consuma tra le strade di Mestre. Sabato notte, tra Via Vespucci e Via Ca’ Rossa, M.J. un giovane moldavo di 22 anni ha aggredito un ragazzo coetaneo, ferendolo alla schiena con un coltello da cucina. La vicenda si è verificata nei pressi del supermercato Cadoro, dove una guardia giurata di servizio in zona aveva notato un gruppetto di tre persone correre verso via Vespucci, inseguite a breve distanza da un altro soggetto indossante dei pantaloni jeans blu ed un giubbotto nero con cappuccio. I tre ragazzi in fuga indicavano il quarto come autore di una aggressione con un coltello ai danni di uno di loro, il quale perdeva sangue dalla schiena.

La vittima, rivelatosi essere il fidanzato della sorella dell’aggressore, è stato ferito per motivi verosimilmente riconducibili a gelosie familiari. Secondo i testimoni, che hanno aiutato gli agenti a ricostruire la dinamica dell’aggressione, l’autore e la vittima del fatto, insieme a due amici, avrebbero parcheggiato l’auto con cui erano giunti in zona per andare a trascorrere la serata nell’abitazione di uno di loro, quando improvvisamente M.J. ha estratto dai pantaloni un coltello da cucina e ha colpito alla schiena con un fendente la vittima, che accusato il colpo iniziava ad urlare e fuggiva a piedi attirando l’attenzione della guardia giurata di passaggio. La vittima, condotta subito in Ospedale, non ha riportato ferite gravi, grazie anche all’abbigliamento pesante che ha attutito il colpo.

L’autore del fatto, già in cura per problemi di salute mentale, aveva precedenti penali per furto nonché una segnalazione per uso di sostanze stupefacenti. Il giovane è stato così arrestato con l’accusa di tentato omicidio.

Lascia un commento