Cavarzere, cresce l’ansia per la scomparsa di Simone

Simone Sieve, 39 anni, di Cavarzere, è scomparso nella notte tra domenica e lunedì. Le ricerche hanno condotto alla sua auto, ritrovata sul corso del fiume Adige. In azione anche oggi Vigili del Fuoco e sommozzatori. Ancora nessuna traccia.

vigilifuocoAncora nessuna novità, ma è tanta l’ansia per Simone Sieve, il trentanovenne di Cavarzere la cui scomparsa è stata denunciata ieri mattina dai genitori, che non avendolo trovato in camera hanno subito allertato le Forze dell’Ordine.

Poco dopo, i Vigili del Fuoco hanno ritrovato la sua auto, una Y10, abbandonata sull’argine del fiume Adige, a poche centinaia di metri dalla sua abitazione. Le ricerche hanno tenuto i soccorsi impegnati per ore, ma ancora di Simone nessuna traccia.

Testimoni raccontano di averlo visto al bar la sera prima, intorno alle due di notte, in un apparente stato di serenità che non avrebbe fatto presagire le sue intenzioni. Simone non ha lasciato nessun biglietto ai genitori, nessun avviso. Il telefonino e i documenti sono rimasti a casa, probabilmente Simone il piano di fuga lo aveva programmato da tempo.

I Vigili del Fuoco hanno condotto le ricerche per tutta la notte, concentrandosi sul corso d’acqua, e sugli argini del fiume con l’ausilio dei sommozzatori di Venezia, intervenuti con le imbarcazioni. E’ stato impiegato anche un elicottero, per perlustrare la zona dall’alto, ma tutto è stato vano.

Le ricerche sono ripartite questa mattina, con i sommozzatori all’opera. Si continuerà a battere la zona dell’Adige, ritenuta finora la pista più probabile. Che Simone si sia buttato in acqua, resta ancora una supposizione

Lascia un commento