Bitonci: ‪”A Colonia come a Padova donne minacciate da personaggi senza scrupoli”

bitonci“Ringrazio le Forze dell’ordine che hanno collaborato agli arresti, estirpando sul nascere quella che stava per diventare, come risulterebbe da alcune intercettazioni telefoniche, una vera e propria organizzazione internazionale dedita alla tratta di donne rese schiave”. Così Massimo Bitonci, sindaco di Padova, a margine dell’arresto di un cittadino nigeriano, ospitato a Padova e riconosciuto come profugo, per sfruttamento della prostituzione, che attacca: “La Polizia italiana lavora bene, nonostante i tagli operati dal Governo, unico responsabile dell’insicurezza in cui sono sprofondate le nostre città. A Colonia, come a Padova, le donne sono minacciate da personaggi senza scrupoli e senza dignità”.

E ancora: “I Governi nazionali, come i burocrati di Bruxelles, dimostrano di non saper risolvere un’emergenza che hanno contribuito a creare – incalza il primo cittadino padovano -. In Italia il sistema dei controlli e dei riconoscimenti è evidentemente al collasso: il nigeriano ospitato all’ex Caserma Prandina, e successivamente trasferito a Bagnoli, aveva ottenuto lo status di rifugiato politico. Il Governo invece di accogliere chi scappa dalla guerra, finisce per proteggere gli schiavisti”.

Lascia un commento