Oriago, lo seppelliscono al contrario e il corpo esce dalla bara

cimitero oriagoHa dell’incredibile l’episodio che ha coinvolto un 84enne di Gambarare, sepolto nel cimitero di Oriago… al contrario. In realtà l’uomo, come racconta La Nuova Venezia, avrebbe voluto riposare a Gambarare, nel cimitero che ospitava la figlia morta precocemente, ma non ci sarebbero stati posti disponibili. Così, si è optato per la sepoltura nel cimitero di Oriago. Qualche giorno dopo le esequie, avvenute il 12 dicembre, però, la famiglia del defunto riceve una chiamata dal Comune: la salma era stata sepolta alla rovescia, con i piedi verso la croce e la testa rivolta dall’altra parte.

I familiari hanno tentato di chiedere che la bara fosse spostata al cimitero di Gambarare, luogo in cui il padre aveva espresso il desiderio di essere sepolto, dove nel frattempo si sarebbe liberato un posto, ma dall’amministrazione arriva un no perentorio. A questo punto, ai familiari non resta che decidere di sistemare la bara, facendola girare in modo che fosse allineata alle altre.

Poi la situazione ha assunto contorni grotteschi. Il giorno della sistemazione della bara, mercoledì scorso, gli addetti hanno impedito ai familiari di entrare per seguire la procedura, adducendo scuse di vario tipo. Peccato che la scena fosse visibile anche dall’esterno: le corde per sollevare la bara non erano alla giusta distanza, così il carico, spostato tutto su unico lato, avrebbe causato l’inclinazione della bara, facendola cadere nella fossa. Nell’urto, la bara si è aperta e il corpo dell’84enne è “scappato” dalla cassa. La situazione si è poi conclusa con la corretta sistemazione della bara, ma gli addetti, nonostante l’indignazione della figlia e del genero, presenti e testimoni dell’accaduto, non avrebbero accennato la minima scusa.

Lascia un commento