Bovolenta: scintille sul biogas, Garano si dimette

?

E’ bastato riparlare del biogas per creare conflitti all’interno del consiglio comunale di Bovolenta. In poco tempo si sono così consumate le dimissioni del consigliere di maggioranza Jessica Garano, ormai in aperto dissenso con sindaco e giunta. L’occasione è stata la seduta pubblica a Brusadure per approvare il Paes, il Piano d’azione per l’energia sostenibile, conosciuto come “patto dei sindaci”.

Proprio qui la giovane consigliere di maggioranza ha annunciato le sue dimissioni ma solo al termine di un lungo e critico intervento nei confronti degli ormai ex colleghi di maggioranza sul caso biogas.

“Nelle 85 pagine del Paes si evince quali sono le vere scelte che il sindaco e la sua giunta intendono portare avanti contraddicendosi rispetto alla posizione filo-ambientalista proposta ai cittadini in campagna elettorale. Ora, con pretesti discutibili, si viene a perorare la causa delle fonti alternative di energia, non certo per mantenere un profilo che tuteli l’ambiente e la vivibilità dei cittadini residenti ma per percorrere una strada che tutela delle precise categorie che giustificano l’orientamento e l’incremento degli impianti a biogas. Tutti i cittadini devono essere informati di quanto inquinamento provoca un impianto a biogas. Una centrale da 1 megawatt emette giornalmente in atmosfera emissioni pari ai fumi prodotti da 10 mila automobili che in un giorno percorrono una distanza di 20 km. La giunta sta proponendo scelte che vanno nella direzione opposta ai miei intenti e sono così costretta a dimettermi perché non voglio andare contro alla mia linea di coerenza e fedeltà ai principi e valori in cui credo ”.

Immediata la risposta del sindaco Anna Pittarello: “Senza entrare nel merito delle motivazioni che hanno spinto l’ex Consigliere a intraprendere questa scelta, troviamo opportuno ritornare su alcuni aspetti della sua analisi che altrimenti rischiano di alterare le reali intenzioni dell’amministrazione: il Paes, disponibile a breve sul sito del Comune, non prevede l’intenzione dell’amministrazione di far installare nuovi impianti di biogas sul territorio di Bovolenta. Invitiamo la Cittadinanza a leggerlo e di verificare. Riconoscendo i problemi socio-ambientali dovuti agli impianti di biogas già esistenti, l’amministrazione ha intrapreso, per mezzo della Commissione Regolamenti, l’iter per l’adozione di un regolamento comunale che ponga vincoli stringenti nella gestione degli impianti già esistenti e dissuada i portatori di interesse nella richiesta di nuove autorizzazioni. I Consiglieri di minoranza, membri della Commissione Regolamenti, possono testimoniare tale volontà condivisa. L’amministrazione comunale rimane sempre in contatto con gli organi competenti affinché venga mantenuto alto il livello di monitoraggio degli impianti presenti i quali ad oggi rientrano nei parametri di legge. L’amministrazione, imponendosi sempre la massima trasparenza, rimane a disposizione dei cittadini per qualsiasi chiarimento”.

Cristina Lazzarin

 

Lascia un commento