Palazzo Roverella (Ro): visite alla Pinacoteca dell’Accademia dei Concordi e del Seminario

pinacotecaIn pochi giorni, 4.116 visitatori si sono recati ad ammirare i capolavori in mostra alla Pinacoteca dell’Accademia dei Concordi e del Seminario, tornati nella loro sede di Palazzo Roverella.
Durante l’estate e l’inizio dell’autunno infatti, le opere erano state esposte in una mostra dal titolo “Da Bellini a Tiepolo” al Forte di Bard, in Val d’Aosta, su richiesta della Regione.
Con 26.300 visitatori in 4 mesi, il prestito si è dimostrato occasione di promozione della Pinacoteca dell’Accademia dei Concordi e del Seminario, in generale della città di Rovigo.

La Pinacoteca è stata riaperta il 20 novembre e ha chiuso, nella serata del 7 febbraio, poichè attualmente negli ambienti di Palazzo Roverella e nel dirimpettaio Palazzo Roncale, è in allestimento la mostra “Al primo sguardo” che aprirà al pubblico dal 27 febbraio.
Verranno esposte circa duecento opere della raccolta di pittura e scultura della Fondazione Cariparo.

A Palazzo Roncale inoltre, saranno esposte le opere della collezione di Pietro Centanini, recentemente donata alla Fondazione affinché potesse essere goduta dalla collettività. Nella collezione si trovano opere di gradissimo interesse di Palizzi, De Nittis, Lega, Ghiglia, Boldini, Fattori, Soffici, Rosai, de Pisis, de Chirico, Guttuso De Chirico, insieme a Zandomeneghi, Milesi, Luigi Nono, Licata, Brass, Barbisan ma anche Utrillo e Chagall.

Mentre la Collezione Centanini rappresenterà una novità, il nucleo maggiore della Fondazione Cariparo stupirà per ricchezza e varietà. In esso sono testimoniati ben 5 secoli di storia dell’arte veneta e italiana.

Lascia un commento