Caso Birolo: il giudice potrebbe denunciare il Vescovo Tessarollo

vescovo Tessarollo Adriano2Qualche giorno fa le dichiarazioni del vescovo di Chioggia Adriano Tessarollo si sono unite al coro dell’opinione pubblica: Birolo non meritava una simile condanna; il giudice, con la sua sentenza, avrebbe “completato l’opera del ladro”. Affermazioni forti, che hanno scatenato reazioni persino all’interno delle compagini politiche. Il giudice “accusato”, Beatrice Bergamasco, non ha ancora risposto alle affermazioni del vescovo, ma, come racconta il Corriere del Veneto, pare che stia valutando l’ipotesi di una querela.

MINACCE AL GIUDICE – Sulla pagina Facebook di Matteo Salvini, a commento del post “Io sto con il tabaccaio”, sono state mosse persino delle minacce ai danni del giudice, che adesso è sotto sorveglianza. A sostegno del giudice Bergamasco, l’onorevole del PD Alessandro Naccarato, che accusa il presule di aver abusato del proprio ruolo. “Il suo intervento è particolarmente grave alla luce delle motivazioni della sentenza, che hanno chiarito che l’imputato ha sparato contro un uomo disarmato che stava fuggendo”.

LA RISPOSTA DEL VESCOVO – Alla possibilità di essere querelato, il Vescovo Tessarollo si mostra sereno: “Possono fare come vogliono – dichiara al Gazzettino – e non penso neanche di difendermi. Mi chiedo se questa autotutela dei magistrati, che si difendono a vicenda, non possa leggersi come una lobby”. E spiega di aver espresso un’opinione in qualità di cittadino, e non di prelato: “Ho solo cercato di porre delle domande e di valutare le conseguenze che avrà quella sentenza per la famiglia del tabaccaio. Non ho citato il Vangelo e nessuna scrittura sacra, ho solo cercato di usare il buonsenso.”

Lascia un commento