Home Padovano Conselvano Bovolenta: Comune “sorvegliato speciale” dalla Corte dei Conti sul bilancio

Bovolenta: Comune “sorvegliato speciale” dalla Corte dei Conti sul bilancio

BovolentaPer due anni il Comune non potrà contrarre nuovi mutui e tutta l’attività sarà tenuta sotto controllo da parte della Corte dei Conti. L’annuncio lo ha dato la sindaco Anna Pittarello davanti ad oltre 400 persone durante l’assemblea pubblica convocata per l’occasione dallo stesso primo cittadino che ha voluto condividere documenti e relazioni. Sotto la lente della Corte dei Conti sono finiti i bilanci dal 2011 al 2013 insieme alle numerose cause aperte in questi ultimi anni.

La sindaco ha ripercorso le tappe che l’hanno portata ad un lungo confronto con il magistrato della Corte dei Conti dal quale era stata convocata proprio per affrontare questi problemi. “Fui sorpresa della reazione del magistrato – ha detto Pittarello – che solo allora veniva a conoscenza che a carico del Comune di Bovolenta vi fossero delle cause legali dall’esito non determinato, soprattutto dal punto di vista economico-finanziario. Il primo contenzioso risale addirittura al 2008 e c’è una causa del valore di due milioni di euro, sembra persino priva di assicurazione.

Mi è stato detto che devo accantonare le risorse per affrontare questi contenziosi.” L’altro aspetto riguarda le conseguenze del turbolento anno di convivenza con l’Unione dei Comuni del Conselvano. Al termine di questa esperienza il municipio di Bovolenta è rimasto con poco personale e diversi grattacapi, dal fondo per il trattamento accessorio riservato ai dipendenti comunali alla partecipazione in alcune società miste pubblico-private. “Come primi interventi – conclude la sindaco – abbiamo istituito un fondo rischi per le cause legali inoltre ho fornito degli atti di indirizzo per ridurre ogni forma di spesa pubblica, limitando le incertezze dovute alle spese non previste. Purtroppo siamo costretti a tenere sotto i 100 mila euro i lavori di manutenzione e non possiamo fare altri investimenti”.

Le più lette