A Rovigo nasce la “cittadella dell’innovazione”

FabLab t2i rovigoRovigo all’avanguardia nel campo delle start up e della tecnologia grazie alla “Cittadella dell’innovazione”. È stata inaugurata venerdì 4 marzo negli spazi del Censer di viale Porta Adige la nuova sede di T2i (Trasferimento tecnologico e innovazione), società consortile per l’innovazione partecipata dalle Camere di Commercio di Treviso, Verona e Venezia Rovigo Delta Lagunare.

La struttura è in pratica un incubatore certificato con spazi innovativi e nuovi servizi, che prevede, tra le varie cose, un nuovo laboratorio di fabbricazione digitale per lo sviluppo e la diffusione del design parametrico nel settore dell’abitare. Al taglio del nastro erano presenti diverse autorità, tra cui Pierpaolo Baretta, sottosegretario all’Economia e alle Finanze, l’assessore regionale polesano Cristiano Corazzari, il sindaco di Rovigo Massimo Bergamin, Gian Michele Gambato, vicepresidente della Camera di commercio di Venezia Rovigo Delta Lagunare, Massimo Barbin, responsabile unico del Protocollo Polesine, Vendemiano Sartor e Roberto Santolamazza, rispettivamente presidente e direttore di T2i.

“Questa iniziativa – ha affermato Baretta – rappresenta il bisogno concreto di uscire dalla crisi e l’esigenza di muoversi nell’ottica della ripresa, dello sviluppo, della crescita”. Il presidente di T2i ha sottolineato: “Si tratta di un ulteriore mattone che aggiungiamo al percorso di crescita della nostra società mettendo a disposizione del territorio un nuovo spazio per far crescere idee d’impresa innovative insieme a nuovo laboratorio per la fabbricazione digitale”. Per quanto riguarda gli spazi dell’incubatore (mille metri quadrati), i lavori di riqualificazione dell’area sono iniziati a luglio 2015 e terminati a febbraio 2016, con un investimento complessivo che supera i 500 mila euro.

Il piano terra, che al momento ospita già 10 start up, si sviluppa attorno alla “piazzetta”, uno spazio di coworking. Si tratta del quarto incubatore certificato in regione (insieme a H-Farm, Parco Scientifico e Tecnologico Vega e M31) e il primo riferito al sistema camerale in Veneto. La scelta della sede non è casuale. Al Censer, infatti, sono concentrate altre attività ad alto tasso di conoscenza e innovatività: la sede rodigina dell’Università di Padova e, non lontano, quella di Ferrara, il laboratorio Tesi e il laboratorio Ecsin.

 

Elisa Barion

Lascia un commento